Nel mare dell’intimità: la Mostra che racconta l’archeologia subacqueo dell’Adriatico

Nel mare dell'intimità, al Salone degli Incanti a Trieste

Nel mare dell’intimità: L’Archeologia subacquea racconta l’Adriatico

0

Nel mare dell’intimità: L’Archeologia subacquea racconta l’Adriatico,  allestita a Trieste, al Salone degli Incanti, è una Mostra che racconta il mare con la visione da un’angolazione diversa. Storie di uomini e donne che hanno vissuto il mare con la sua tempesta, la furia, ma anche la corrente e il vento che hanno permesso di spingersi oltre l’orizzonte, sono le voci narranti di questa Mostra. Nel mare dell’intimità, una mostra costruita di progetti di ricerca,  missioni congiunte, joint ventures dai risultati eccellenti. Una mostra che vuole essere punto di partenza per altre iniziative e altri progetti, e proporre una necessaria riflessione sul futuro del patrimonio sommerso e sull’archeologia subacquea oggi in Italia, per fare in modo, dopo le pionieristiche esperienze del secolo scorso, che non cali definitivamente il sipario.




Nel mare dell’intimità offre una visione d’insieme relitti, opere d’arte e oggetti della vita quotidiana, merci destinate alla vendita e attrezzature di bordo, circa un migliaio di reperti provenienti dai numerosi giacimenti sommersi e prestati per l’occasione da musei italiani, croati, sloveni e montenegrini e allestiti in uno spazio di più di duemila metri quadrati.

Predrag Matvejević (Mostar, 7 ottobre 1932 – Zagabria, 2 febbraio 2017) Foto fonte Wikipedia

Predrag Matvejević nella sua opera più famosa, Breviario Mediterraneo, scrisse che «il Mediterraneo è il mare della vicinanza, l’Adriatico è il mare dell’intimità». A questa poetica definizione si ispira il titolo della mostra, dedicata alla memoria dello scrittore slavo. Nato a Mostar da padre russo e madre bosniaca, Matvejevi ć visse in Jugoslavia fino allo scoppio della guerra negli anni Novanta. In seguito si trasferì in Francia e in Italia.

 

 

L’allestimento, Nel Mare dell’intimità, L’archeologia subacquea racconta l’Adriatico curato dall’architetto Giovanni Panizon, ha trasformato il Salone degli Incanti di Trieste in un paesaggio d’acqua, un fondale sommerso che permetterà di leggere in maniera più esaustiva l’intensità degli scambi culturali e dei traffici commerciali, la specificità della costruzione navale antica, la ricchezza delle infrastrutture e il dinamismo dei paesaggi costieri, le storie degli uomini che hanno attraversato questo mare intimo.

 

Reperti esposti alla mostra “Nel mare dell’intimità. L’Archeologia subacquea racconta. Foto: fonte Regione Friuli Venezia Giulia

L’esposizione è curata da Rita Auriemma, Direttore del Servizio di catalogazione, formazione e ricerca
dell’ERPAC – Ente Regionale per il Patrimonio Culturale della Regione Friuli Venezia Giulia che promuove e
organizza l’iniziativa insieme al Comune di Trieste – Assessorato alla Cultura e in collaborazione con la
Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio del Friuli Venezia Giulia, il Polo Museale del Friuli Venezia
Giulia, la Federazione Archeologi Subacquei, il Croatian Conservation Institute, l’International Centre for
Underwater Archaeology e numerosi altri partner italiani e stranieri (lista completa in cartella stampa), con il
patrocinio del Ministero Beni e Attività Culturali e Turismo (MiBACT), del Ministero della Cultura Croato, del
Ministero del Turismo Croato, del Ministero della Cultura Sloveno, di Promoturismo Fvg, con il contributo della
Fondazione CRTrieste e grazie al supporto di Tiare Shopping Cente. Media Partner: Il Piccolo.

Nel Mare dell’intimità, L’archeologia subacquea racconta l’Adriatico: fino al 1 maggio 2018

Trieste, ex Pescheria – http://salonedeglincanti.comune.trieste.it/
Riva Nazario Sauro 1 – Trieste

                                                                                                                          Maggie Van Der Toorn

 




Leave A Reply

Your email address will not be published.

Continuando a navigare sul sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi