Arriva su Netflix Annientamento: il nuovo film di Alex Garland

Dopo il successo ottenuto qualche anno fa da Ex Machina, il regista inglese ci riprova un nuovo lungometraggio fantascientifico

Fonte: https://www.cinematographe.it/wp-content/uploads/2018/03/Annientamento.jpg
0

Annientamento, annunciato da qualche mese fa da Netflix, è ora disponibile. Il film era già stato presentato come uno dei progetti “non seriali” più interessanti della piattaforma per questo 2018. Lultimo prodotto di Alex Garland, infatti, è finalmente disponibile per tutti gli abbonati e a quanto sembra promette bene.

La pellicola è sbarcata sul mercato streaming dopo un tumultuoso trascorso con la casa di produzione cinematografica Paramount. Sebbene il film dovesse inizialmente uscire nelle sale ha dovuto alla fine ripiegare diversamente a causa di incomprensioni tra il regista e i produttori.

Tuttavia, successivamente, proprio la suddetta Paramount firmò un accordo con Netflix per la distribuzione del lungometraggio nelle sale dei soli Stati Uniti, Canada e Cina.




 

Annientamento: cast e trama

Sia il cast che il soggetto (e non ultimo il regista) sono marchi di qualità. Il lungometraggio, infatti, è ispirato all’omonimo romanzo di Jeff VanderMeer, che funge anche da primo capitolo alla trilogia di romanzi intitolata trilogia dell’Area X.

La storia comincia con il recupero dell’unico superstite di un plotone di soldati inviati nella zona disastrata dell’Area X. Qui si scopre che il reduce sopravvissuto è gravemente malato e che non esiste nessuna forma di cura alla sua condizione.  Né esiste, tantomeno,  un modo per farlo risvegliare. A causa di ciò, sua moglie, biologa, si avventura nella misteriosa Area X con il suo team per scoprire cosa è realmente successo e quali terribili segreti si celino nella disastrata zona aliena.

Se da un lato abbiamo un regista che l’ultima volta ci ha ampiamente convinto col suo EX Machina, dall’altro anche il cast sembra darci notevoli garanzie. Quest’ultimo, infatti, vanta tra i protagonisti anche il premio oscar Natalie Portman.

Lo stesso VanderMeer è ormai universalmente riconosciuto come uno dei maggiori esponenti della cosiddetta New Weird. Questa altro non è che una sorta di nuova sotto categoria del genere fantasy che spaziano anche in elementi decisamente fantascientifici.

Per ultimo, c’è anche da sottolineare che negli USA la pellicola è stata vietata ai minori di 17 anni non accompagnati da adulti per la presenza di “violenza, immagini sanguinolente, sessualità e linguaggio non adatto”. Detto questo, però, non resta che sperare in una una buona visione.

 

Emanuele Algieri

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi