Newgrange: una meridiana di oltre 5.000 anni

Il grande tumulo funerario di Newgrange, la tomba megalitica più famosa d’Irlanda.

Il tumulo di Newgrange testimonia la vivace cultura dei nostri antenati dell’età della pietra. E rivelano anche che i popoli dell’antica Europa sapevano già del cielo e delle sue leggi più di quanto si pensasse da tempo.

Il cielo notturno con le sue costellazioni splendenti, il sole, che cambia la sua orbita nel corso dell’anno. O la luna con il suo ciclo eterno di cambiamenti: questi fenomeni celesti ci affascinano ancora oggi. Per i nostri antenati, tuttavia, il cielo era molto più di uno spettacolo cosmico. Per loro era il punto di riferimento, il calendario e la sede degli dei allo stesso tempo. Il sole e la luna, ma anche le stelle, determinavano il ritmo della loro vita. Indicavano quando era l’ora della semina o del raccolto, quando si celebravano le feste e quando era previsto un rito.

Per le prime culture, tuttavia, il calendario, il corso delle stagioni, era molto più importante della direzione della bussola. Anche qui è soprattutto il sole a determinare i dati chiave più importanti dell’anno culturale. Ma anche agricolo: i solstizi e gli equinozi.




Il solstizio d’inverno, che cade il 21 o il 22 dicembre della nostra era, è il giorno più corto dell’anno nell’emisfero settentrionale. Allo stesso tempo significa un’inversione di tendenza, una svolta verso giorni più leggeri e più lunghi. Al contrario, il solstizio d’estate del 21 giugno è il giorno più lungo dell’anno e anche il momento in cui il sole raggiunge il suo livello più alto. Allo stesso tempo, tuttavia, questo giorno annuncia già l’autunno, l’oscurità crescente.

Oggi, tuttavia, solo gli edifici di quel tempo testimoniano i loro ritrovamenti; l’uomo dell’età della pietra  non possedeva alcuna documentazione scritta. Ma una cosa sembra cristallizzarsi nonostante tutto: la scienza celeste e la conoscenza di certe leggi astronomiche. Erano già una parte inseparabile della vita e dei rituali degli uomini vissuti migliaia di anni fa. Ne è da esempio Newgrange, uno dei più antichi complessi megalitici con un chiaro riferimento calendario-astronomico.

Uno dei più grandi siti archeologici d’Irlanda

Newgrange, situata nella contea di Meath a nord di Dublino, è uno dei siti archeologici più impressionanti e famosi d’Irlanda. Si stima che la tomba, comunemente indicata dagli storici come Old East of Ireland, abbia più di 5.200 anni. Fa parte del complesso archeologico di Brú na Bóinne, e, insieme a Knowth e Dowth, dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO dal 1993.

Si ritiene che la struttura sia stata costruita da agricoltori dell’età della pietra. Il tumulo stesso ha un diametro di oltre 85 metri e un’altezza di 13 metri, occupando un’area di oltre 4000 m². C’è un piccolo passaggio lungo 19 metri che porta a tre alcove, l’architettura dell’edificio sembra riflettere il sole che sorge prima del solstizio d’inverno. Era senza dubbio una parte importante delle loro religioni pagane, alba e tramonto, così come la durata delle giornate.

Alla base, proprio dove il tumulo funerario entra in contatto con il fertile suolo irlandese, i costruttori neolitici di Newgrange posizionarono enormi pietre. Scolpite con simboli propiziatori con cui cercavano di attirare il favore delle forze della natura. Un imponente muro bianco fatto di piccole pietre di quarzite guarda il sole nascente. Aaccentuando la natura spettacolare del grande tumulo funerario.

Una moltitudine di pietre nere, intervallate regolarmente, compongono una facciata piena di ritmo che sorprende ancora oggi. Entrare tra le enormi rocce che compongono l’ingresso significa fare un viaggio indietro nel tempo. Le grandi lastre creano uno stretto passaggio architrave che misura più di 18 metri.

La maggior parte degli archeologi classifica il sito come una tomba. Ma si ritiene che avesse avuto un significato maggiore e molto probabilmente fosse una sorta di antico tempio. Sarebbe stato un luogo di importanza astrologica, spirituale, religiosa e cerimoniale per la cultura contadina dell’epoca. Potrebbe essere paragonato alle cattedrali della religione cristiana o alle moschee dell’Islam di oggi.

Newgrange: raggio di luce in una mattina di metà inverno

Gli edifici rituali e le tombe della tarda età della pietra riflettono quasi tutti i due punti di svolta nell’anno. Il 3.150 a.C. Nella tomba di Newgrange  è stata costruita una camera interna in cui un raggio di sole cade ogni anno. Solo in pochi giorni intorno al solstizio d’inverno all’alba. Per circa 15 minuti il ​​sole, l’apertura sopra l’ingresso della tomba, il corridoio lungo 22 metri e la camera della tomba alla sua estremità sono esattamente allineati. Un punto di luce cade direttamente nella camera funeraria.

Nessuno sa oggi quali riti fossero associati a questa macchia solare allora. Tuttavia, l’interpretazione ovvia è il ritorno e la vittoria del sole. E quindi della vita sull’oscurità. La macchia indicava che il periodo buio era finito e le giornate si stavano allungando di nuovo. Oggi il punto luminoso di pieno inverno non raggiunge più la piastra posteriore della camera sepolcrale. Ma termina a circa un metro davanti ad essa. Perché nei 5.000 anni trascorsi da quando è stata eretta la tomba, l’asse terrestre si è leggermente spostato. Tuttavia, il tumulo di Newgrange è oggi uno dei più antichi complessi megalitici con un chiaro riferimento calendario-astronomico.

Nella valle del Boyne sono state individuate 25 tombe a corridoio e solo Newgrange ha questa disposizione astronomica. Qualcuno potrebbe pensare che possa essere una curiosa coincidenza. Ma la precisione con cui i suoi costruttori hanno realizzato la struttura accerta che sia stata realizzata intenzionalmente.

Felicia Bruscino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *