Nutella Biscuits: record di vendite per i biscotti della Ferrero

Alzi la mano chi non ha mai assaggiato i Nutella Biscuits.

Come previsto: i Nutella Biscuits hanno conquistato tutti, o almeno la stragrande maggioranza del popolo italiano.

I biscotti ripieni di Nutella hanno ormai compiuto un anno. Ai tempi del loro lancio, l’azienda produttrice aveva ipotizzato di raggiungere i 25 milioni di confezioni vendute. Risultato? Ne sono state vendute più di 47 milioni!



I numeri sono così incoraggianti che la Ferrero sta già pensando a nuovi formati e a nuove linee produttive.

Il gruppo ha infatti approvato un investimento di ben 80 milioni. Esso servirà appunto a realizzare una nuova linea produttiva nello stabilimento italiano di Balvano. Questo porterà a raddoppiare la capacità produttiva, cosa che permetterà di aprirsi a nuovi mercati, ma non solo.

La richiesta interna non accenna infatti a calare, raggiungendo picchi incredibili. Tutti ricordiamo, ad esempio, i tempi in cui all’interno dei supermercati era possibile acquistare un numero limitato di pacchi di biscotti. Questo perché, all’arrivo sul mercato della frolla ripiena di crema alla nocciola, la richiesta esplose al punto da generare addirittura il mercato nero.

Naturalmente l’incremento della produzione comporterà anche nuove assunzioni, portando a circa 230 i lavoratori dedicati alle linee di Nutella Biscuits.

E il nuovo formato?

Tenetevi forte: nel 2021 potrete stringere tra le mani veri e propri tubi dei vostri biscotti preferiti! La nuova confezione ha il vantaggio di essere comoda e pratica. Il consumatore potrà così gustare i propri biscotti dove preferisce.

Angelo Massaro, General Manager IRI, ha dichiarato:

Il lancio di Nutella Biscuits sul mercato italiano è da considerarsi il più importante nella storia del largo consumo in Italia da quando abbiamo i dati.

Ebbene sì: i Nutella Biscuits sono stati acquistati da più di sette milioni di famiglie. In questo modo sono diventati la referenza nel mercato dei biscotti più venduta in Italia!

Mariarosaria Clemente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *