Come può un approccio One Health limitare i rischi più diffusi oggi per la salute?

La One Health Initiative ha aperto la strada a un approccio cross-species all'assistenza sanitaria.

0

L’approccio One Health comprende una vasta gamma di programmi, politiche, legislazione e ricerca che consentono migliori risultati di comunicazione e salute. In tutti gli aspetti dell’assistenza sanitaria. Dagli esseri umani, agli animali, fino all’ambiente. Forzando legami professionali tra medici, veterinari, dentisti, infermieri e altre discipline scientifiche, relative alla salute e all’ambiente. One Health è diventata pertinente in questioni chiave, come la sicurezza alimentare, il controllo delle zoonosi e la battaglia contro la resistenza agli antibiotici.

Sincronizzando le discipline, si prevede che il risultato porterà a progressi per l’assistenza sanitaria per il 21 ° secolo e oltre. Accelerando così le scoperte della ricerca biomedica e migliorando l’efficacia della salute pubblica. Il tutto basandosi sulla base di conoscenze scientifiche, aumentando allo stesso tempo gli standard di educazione medica e assistenza clinica offerti.

L’organizzazione è stata fondata dal medico Laura H. Kahn, MD, MPH, MPP, dal veterinario Bruce Kaplan, DVM e dal medico Thomas P. Monath, MD nel 2007. Con lo scopo di promuovere il concetto di One Health. Il team è stato ampliato fino ad includere lo scienziato e ricercatore di salute Jack Woodall, PhD nel 2009 e il veterinario Lisa A. Conti, DVM, MPH nel 2012. Drs. Kahn, Kaplan e Monath hanno avviato il sito Web di One Health Initiative nell’ottobre 2008. Vediamo in che modo un approccio One Health cerca di limitare alcuni dei rischi per la salute più diffusi oggi. E in che modo l’Iniziativa sanitaria unica ha aperto la strada all’approccio all’assistenza sanitaria per tutti.




Quali sono oggi i rischi per la salute oggi?

In funzione del fatto che molti degli stessi microbi infettano sia umani che animali, un approccio clinico unilaterale alla prevenzione e all’eliminazione di infezioni e malattie non avrà successo. E ‘necessario un approccio coordinato e collaborativo da parte di medici e veterinari per combattere le immediate vicinanze in cui vivono esseri umani e animali. La stretta relazione tra animali e esseri umani consente ai microbi resistenti ai farmaci di essere trasmessi attraverso il contatto diretto o contaminati cibo.

Le malattie zoonotiche rappresentano una parte importante del carico di malattie infettive nell’uomo, di cui circa il 60% di tutti i patogeni umani e il 75% di malattie infettive nuove o emergenti sono diffuse dagli animali. Di conseguenza, la trasmissione si sta accelerando su scala internazionale ed è solo peggiorata da una popolazione in aumento, servizi igienici insufficienti, infrastrutture sanitarie limitate e rapidi aumenti dei viaggi e degli scambi internazionali. Inoltre, le pratiche di allevamento di animali in tutto il mondo hanno un effetto sia sulla qualità che sulla sicurezza del cibo consumato, che ha implicazioni dirette sulla salute umana.

D’altro canto, poiché l’attività umana produce impatti negativi sull’ambiente naturale, la crescita della popolazione e l’aumento dei livelli di consumo diventano aree di preoccupazione. Con l’evoluzione dei modelli di uso di terra e acqua, desolazione degli habitat, agricoltura intensiva, uso di pesticidi e la prevalenza di gas a effetto serra nell’aria, un approccio di One Health cerca di limitare l’impatto di questi cambiamenti sulla salute di tutti.

Un approccio One Health

L’organizzazione sostiene che un approccio One Health lavora per promuovere, migliorare e difendere la salute e il benessere di tutti attraverso una maggiore cooperazione e collaborazione tra professionisti sanitari e ambientali. Inoltre, attraverso il rafforzamento dei punti di forza sia nella leadership che nella gestione, si ritiene che questi obiettivi possano essere raggiunti. Oltrettutto promuove l’integrazione della medicina umana e veterinaria e della scienza ambientale, al fine di aprire la strada a One Health.

Pertanto, l’approccio integrato a un sistema sanitario privo di specie sarà reso possibile attraverso:
  • Sforzi collaborativi verso l’istruzione in scuole di medicina umana e veterinaria, scuole di salute pubblica e professionisti dell’ambiente.
  • Comunicazione reciproca attraverso riviste, conferenze e reti di salute alleate.
  • Sforzi collaborativi per l’assistenza clinica: dalla valutazione alla prevenzione della trasmissione di malattie crociate.
  • Sorveglianza collaborativa di malattie crociate, insieme a sforzi di controllo condiviso nella sanità pubblica.
  • Sforzi congiunti per raggiungere una conoscenza approfondita della trasmissione di malattie tra le specie attraverso i mezzi della medicina comparata e la ricerca ambientale.
  • Sforzi condivisi nello sviluppo e nella valutazione di nuovi metodi diagnostici, medicinali e vaccini al fine di controllare e / o prevenire le malattie che attraversano le specie e.
  • Uno sforzo collaborativo per informare ed educare i leader politici e il settore pubblico attraverso un’accurata pubblicazione mediatica.
Quattro punti chiave

La One Health Initiative delinea quattro punti chiave per cui l’approccio One Health può aiutare ad acquisire una maggiore comprensione attraverso la ricerca. Sviluppando al contempo un approccio per combattere i rischi associati.

  • Infezioni zoonotiche: Il contatto con gli animali può rendere l’essere umano vulnerabile al rischio di malattie infettive zoonotiche. Il rischio aumenta in gruppi come neonati, anziani o individui immunocompromessi. Pertanto, il controllo delle malattie degli animali è visto come il mezzo più efficace attraverso il quale l’esposizione del paziente agli agenti patogeni infettivi può essere ridotta.
  • Allergie animali: nel caso in cui casi in cui l’essere umano sviluppa allergie per via degli animali domestici. Le consultazioni con un veterinario sono considerate il metodo di azione più appropriato per aiutare a identificare alternative alla rimozione dell’animale domestico dalla famiglia.
  • Legami uomo-animale: Poiché l’uomo sviluppa un legame con l’animale, un valore terapeutico può essere di beneficio per entrambi, portando a implicazioni sull’assistenza medica da cambiamenti nel comportamento. Gli esseri umani possono alterare il loro comportamento e le loro abitudini, dovrebbero riconoscere che questi cambiamenti andranno a beneficio dei loro animali domestici. Un esempio di ciò è la cessazione del tabacco.
  • Animali come sentinelle: Alcuni animali possono essere in grado di identificare e innalzare l’allarme per i segni di esposizione a una sostanza tossica o a un rischio infettivo in un ambiente. Pertanto, è necessaria la reciproca comunicazione tra operatori sanitari e veterinari per condividere e trasmettere tali informazioni.
I benefici di un approccio One Health

Nell’approccio sinergico, sono attesi molti benefici che non solo alleggeriscono il rischio per le specie ma aiutano a combattere le preoccupazioni e le questioni globali. Questi benefici includono:

  • Diagnosi e prevenzione più efficaci delle trasmissioni di malattie infettive tra animali e umani.
  • Gestione più efficiente delle reazioni allergiche agli animali.
  • Miglioramento dello stato psicosociale dei pazienti umani.
  • Rilevamento precoce in relazione ai rischi per la salute nell’ambiente e.
  • Aumento della soddisfazione del paziente.




La collaborazione interdisciplinare è al centro del concetto 

Attraverso una collaborazione condivisa e la cooperazione tra professionisti con una gamma di competenze e discipline, l’approccio della One Health dovrebbe supervisionare la salute pubblica, la salute degli animali, i settori fitosanitario e ambientale cooperando per limitare alcune delle più pressanti preoccupazioni a livello di specie oggi.

Allo scopo di individuare, rispondere e prevenire efficacemente focolai di zoonosi e problemi di sicurezza alimentare. I dati epidemiologici, insieme alle informazioni di laboratorio, dovrebbero essere condivisi tra i vari settori. Nel frattempo, funzionari governativi internazionali, ricercatori e altri professionisti dovrebbero lavorare per produrre una risposta congiunta alle minacce per la salute.

Nel Regno Unito, sia il Servizio sanitario nazionale sia il Dipartimento per l’ambiente, l’alimentazione e gli affari rurali (Defra) hanno riconosciuto l’importanza di una sola salute e strutture consolidate che mirano a concentrarsi sulla sorveglianza e il controllo dei ceppi resistenti. Oltre che sulla prevenzione delle infezioni, una riduzione dipendenza dagli antibiotici e dalla sua prescrizione ai pazienti, così come dalla formazione di professionisti, pazienti e pubblico.

 

Felicia Bruscino

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Continuando a navigare sul sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi