ONG MIGRANTI, MOLTO RUMORE PER NULLA?

0

Che il Pm di Catania debba fare chiarezza, andare a fondo nell’inchiesta e fare i nomi di eventuali colpevoli non ci piove. Intanto piove su tante persone perbene che spinte da umana compassione si fanno in quattro per aiutare chi sfida la morte in mare per sfuggire a guerre e miseria. E piove anche su Di Maio che forse ha fatto troppo clamore con i suoi post, e su leghisti e italianisti che ne approfittano per vomitare veleno razzista, nascondendo il fatto che l’Italia è tra i primi paesi al mondo per esportazione di armi da guerra, avendo in un anno raddoppiato il suo fatturato, ora a oltre 17 miliardi di euro di armi esportate anche in paesi messi al bando. Armi utili a provocare e mantenere guerre causa di esodi umani. Armi, ricordiamolo, prodotte vieppiù in quelle vallate subalpine dove la lega ladrona è padrona.

Related Posts




L’onorabilità delle principali associazioni umanitarie come Medici Senza Frontiere, Sos Méditerranée, Moas, Save the children e altre ancora è garantita dall’indiscutibile integrità di un uomo come Erri De Luca e fino a prova contraria non possiamo che sospendere il giudizio sul reale valore giudiziario delle “ipotesi” avanzate dal Pm. Il quale, non si capisce perché, invece di condurre le indagini in silenzio fino alla loro conclusione, ha strombazzato tali ipotesi di reato ai quattro venti, con il risultato di alzare un polverone forse ingiustificato da una parte e di mettere in allarme eventuali colpevoli, ove ve ne fossero, dall’altra. Colpevoli che probabilmente esistono in un’organizzazione ben individuata legata a un miliardario americano. Non tutte le ONG sono uguali e va fatta la sacrosanta distinzione.

Intanto, ieri in Germania un tenente dell’esercito tedesco con simpatie neonaziste è stato arrestato per essersi spacciato come profugo siriano, pare per preparare attentati terroristici di cui incolpare i profughi. Servizi segreti deviati, follia di un uomo preso dall’odio razziale? Non sappiamo, come non sappiamo chi spinge gli attentati in Francia in prossimità delle elezioni, attentati che fanno tanto comodo alla destra. Simile cosa è stata scoperta a La Spezia, dove una cellula segreta progettava attentati da far ricadere su altri.
Le nazioni, tra cui l’Italia e la stessa Francia, il secolo scorso hanno fatto uso abbondante di attentati da scaricare volta per volta su “anarchici” “terroristi rossi” etc. La “ragion di Stato” spesso prevale sulla verità. Verità che purtroppo vengono a galla dopo troppi anni.

 

Raffaele Vescera

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi