Ottobre 1944: l’olocausto dei bambini Rom

1

fb_img_1476201437505

72 anni fa, il 10 ottobre del 1944 ad Auschwitz fu compiuto uno dei più terribili crimini della storia dell’umanità, il massacro compiuto dai nazisti, di 800 bambini Rom. Perché i Rom? . L’accanimento di Hitler verso gli “Zingari” era decisamente inspiegabile, in quanto, la maggior parte degli zingari, erano e sono tutt’ora i discendenti di “Razza Ariana” che invasero le Indie, per far ritorno poi, nell’Europa settentrionale. Non a caso, alcuni gruppi di Lalleri tedeschi e Sinti, vennero risparmiati e scamparono all’olocausto. Gli scienziati del Reich, per “Giustificare” lo sterminio, s’inventarono di tutto, alla fine, il professor Gunther disse che: “Gli Zingari hanno effettivamente mantenuto alcuni elementi della loro origine nordica, ma essi discendono dalle classi più basse della popolazione di quella regione. Nel corso della loro migrazione, hanno assorbito il sangue delle popolazioni circostanti, diventando quindi una miscela razziale di Orientali e Asiatici occidentali con aggiunta di influssi Indiani, Centroasiatici ed Europei”. Ragion per cui, secondo lo scienziato delle scienze razziali, andavano sterminati al pari degli ebrei. Nella sola Auschwitz, furono uccise 19 mila delle 23 mila persone di etnia Rom. Si pensa che branche dell’esercito tedesco e delle SS abbiano fucilato altri 30.000 Rom tra gli  Stati Baltici e in altre zone dell’Unione Sovietica che erano state invase dai tedeschi , dove altre unità mobili di sterminio , chiamate Einsatzgruppen abbiano ucciso insieme agli Ebrei e ai Comunisti, anche i Rom.

1 Comment
  1. Carlo Berini says

    I bambini erano sinti

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi