I parenti di Neima, giovane morta per le violenze subite, arriveranno in Calabria

Dalla parte di chi lotta per essere riconosciuto, dell'essere umano e dei suoi diritti.
Contribuisci a preservare la libera informazione.

DONA

Quando Neima è arrivata a Crotone, le sue condizioni di salute erano già molto gravi

Dopo aver partorito la sua bambina tramite cesareo, la ragazza non ce l’ha fatta ed è oggi seppellita in provincia della città calabrese

La storia di Neima ha ammutolito chiunque l’abbia anche solo ascoltata distrattamente. Partita dalla Somalia poco più che maggiorenne, è giunta in Libia. Attendendo la nave che le avrebbe fatto attraversare il Mediterraneo in cerca di un futuro migliore, però, la sua vita è cambiata.

La piccola porta il nome della sua mamma





Neima, nell’attesa in Libia è stata violentata più volte. A seguito di quelle stesse atroci violenze è rimasta incinta. Arrivata nel porto di Crotone a bordo della nave “Bourbon Argos” di Medici Senza Frontiere, è stata subito trasportata in ospedale. La situazione è apparsa fin da subito critica. Per questo, si è reso necessario un parto cesareo. Nata alla 32esima settimana di gestazione, la bambina risulta ancora ricoverata nel reparto di neonatologia. Dopo la sua nascita Neima si è spenta. A oggi, la bambina viene chiamata dai medici come la sua mamma.

Rintracciati i parenti della ragazza

Neima
Neima, 18 anni, uccisa dalle violenze subite





Intorno alla bara della giovane, nel giorno dei suoi funerali, c’erano tantissime persone. In realtà, però, nessun parente è stato presente. Le ricerche avviate immediatamente hanno prodotto dei risultati. Dei parenti della ragazza, la nonna e lo zio della ragazza più precisamente, sono stati rintracciati in Inghilterra e giungeranno presto nella città pitagorica per salutare Neima e la sua meravigliosa creatura. Ancora da capire è se la bambina sarà affidata a loro, essendo gli unici parenti conosciuti finora, oppure se si aprirà un fascicolo per l’adozione.




La triste storia di Neima è l’esempio di come la speranza in un futuro migliore possa essere la forza motrice delle azioni umane.

Maria Giovanna Campagna

Stampa questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.