Peppa Pig è una sovversiva!

La Cina bandisce il cartone animato inglese

L’immagine di Peppa Pig è stata usata per parodie a sfondo sessuale e humour nero: la Cina non ci sta

0

Quante volte avete lasciato i vostri bambini a guardare Peppa Pig mentre voi vi dedicavate alle faccende di casa? Probabilmente molte ma avete sbagliato!




Il successo di Peppa Pig

I numeri del cartone animato inglese sono di una portata clamorosa. In pochi anni, infatti, ha raggiunto un successo di pubblico senza uguali. Non solo, Peppa Pig è diventata anche l’immagine da utilizzare per gadget, libri, vestiario, peluche e addirittura tatuaggi.

La maialina rosa e tutta la sua famiglia piacciono veramente a tutti. Questo perché gli episodi sono corti e dotati di colori e frasi facilmente comprensibili anche ai più piccini.

Peppa Pig va a scuola, gioca con i suoi amici, fa le recite, aspetta Babbo Natale come tutti i bambini del mondo. Inoltre si rotola nel fango e grugnisce.




Si rotola nel fango e grugnisce? Non si può! Non importa che i pediatri di tutto il mondo dicano che i bambini si debbano sporcare. La Cina non ci sta e vede nell’atteggiamento della maialina un comportamento poco consono alla morale.

I motivi della censura di Peppa Pig in Cina

Per la ferrea ideologia cinese, il cartone animato della Bbc lancia un messaggio negativo ai fannulloni. Inoltre, gli atteggiamenti di tutti i personaggi sono sovversivi e denotano una società di maleducati.

Secondo il popolo cinese il cartone alimenta nei giovani dei comportamenti ostili al valore del Partito comunista. Questo li allontana dai “valori centrali del socialismo”.

Ma sono solo questi i motivi? Ebbene no, non è bastato un rutto per censurare un cartone ma l’utilizzo del personaggio per parodie destinate a un pubblico adulto. La maialina, insieme a mamma Pig, papà Pig, George e tutti gli altri, infatti, sono comparsi sempre più spesso in video a sfondo sessuale.




La censura ha comportato che dalla app “Douyin” destinata alla condivisione di video, sono stati rimossi circa 30.000 video. Non è più possibile, inoltre, utilizzare l’hastag per indicizzare la ricerca.

La Cina non è nuova a questa tipologia di censura, era già successo in passato con Winnie the pooh perché prendeva in giro il Presidente.

Mi raccomando cari genitori, controllate bene che nel cartone la maialina non assuma comportamenti sgradevoli, perché i vostri figli potrebbero cominciare a grugnire.

 

Elena Carletti

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Continuando a navigare sul sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi