Perché a un certo punto qualcuno decide di credere che la Terra è piatta?

0

Perché a un certo punto qualcuno decide di credere che la Terra è piatta?

O che le scie di condensa degli aerei siano in realtà scie chimiche per controllare le popolazioni? O che milioni di medici, infermieri, scienziati, ricercatori, politici, giornalisti, ecc. siano coinvolti in un grande complotto planetario per far ammalare miliardi di bambini con i vaccini? O che ci sia un piano studiato a tavolino per sostituire gli europei con gli africani?

Perché si diventa complottisti?

Il complottista è un personaggio che a un certo punto crede che nel mondo esistano “LORO”.

“LORO” sono i padroni del mondo (a volte identificati come “i governi” o certi banchieri o certi imprenditori o Soros o gli “illuminati” o i Rettiliani: razza aliena con sembianze umane).

LORO sono avidi, ricchi e malvagi al di là ogni possibile immaginazione. Il loro lavoro è infatti far ammalare, morire, derubare e schiavizzare miliardi di persone. Per soldi e potere.

Come? Mettendo in piedi (da secoli) tutto un teatrino planetario che coinvolge milioni e milioni di complici (scienziati, medici, piloti, ricercatori, giornalisti, influencer, politici, militari, autisti, impiegati, imprenditori, registi, attori, ecc.), per far credere agli altri esseri umani che la Terra sia sferica quando invece è piatta; che le scie degli aerei siano solo condensa quando invece sono veleni; che i vaccini siano inoculati a fin di bene quando invece servono a far ammalare miliardi di bimbi, che le migrazioni non siano sempre accadute ma un piano studiato e pilotato.

E perché tutto questo? Per tenerci in schiavitù e guadagnare miliardi e miliardi. Soldi da cui però bisognerà togliere miliardi e miliardi di spese per corrompere milioni e milioni di complici e inscenare ogni giorno, ogni minuto, ogni secondo messe in scene su scala mondiale che tengano appunto nascosta la verità.

Ora: perché credere a tutto questo?

Perché nello stesso, preciso, identico, miracoloso istante in cui decidete, di punto in bianco, di credere anche a uno solo di quei complotti acquisite in quell’istante le seguenti 5 qualità:

  1. – diventate i BUONI: se non siete parte del complotto, allora non siete parte dei cattivi. Quindi, per esclusione, siete le vittime, siete i buoni.
  2.  – diventate quelli INTELLIGENTI: se il complotto esiste e siete tra i pochi ad averlo capito e scoperto, allora automaticamente siete più svegli e intelligenti degli altri che invece vivono nell’ignoranza.
  3.  – diventate DERESPONSABILIZZATI: siete dei falliti, dei buoni a nulla, dei pigri, delle capre, nessuna vi fila e non vi danno un lavoro decente? E mica è colpa vostra. E’ colpa “LORO” che vi tengono in questa condizione. Mentre chi è ricco e lavora è molto probabilmente parte del complotto.
  4.  – diventate EROI: Siete i “prescelti” di Matrix. Siete gli eroi di questo spettacolare film. Voi, contro i cattivi potenti del mondo. Voi, spina nel fianco dei padroni malvagi, che rischiate la vita per salvare miliardi di umani che vivono nelloscurità.
  5.  – diventate QUALCUNO: finalmente non siete più degli anonimi e grigi signor nessuno. Adesso fate parte di una comunità, di una ristretta elite di “eroi” e di “risvegliati” che lotta per l’umanità. E più sarete attivi, più sarete apprezzati in quel mondo. E vi sentirete meno soli.

Si diventa complottisti perché fa bene all’autostima. E conviene.

Intanto per questo articolo ho ricevuto 1.350€ da un conto segreto cifrato. E però hanno impiantato nel corpo di tutte le persone che amo e nel mio un microchip che ci farà morire all’istante nel caso in cui dovessi pentirmi e decidere di parlare. Ma “LORO” mi hanno detto che questo lo posso dire.

 

Emilio Mola

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi