Perchè si dice “Non capire una mazza?” Ecco il vero significato

Dalla parte di chi lotta per essere riconosciuto, dell'essere umano e dei suoi diritti.
Contribuisci a preservare la libera informazione.

DONA

Tante volte avrete sicuramente sentito pronunciare l’espressione “Non capire una mazza”,  ma vi siete mai interrogati sul suo significato?


Molti sanno che Non capire una mazza è un’espressione originariamente siciliana, ma ciò che è ancora sconosciuto ai più è il suo vero significato. Questo modo dire,  largamente diffuso in tutta Italia, racchiude un concetto che, molto spesso, viene travisato. A volte, addirittura, viene interpretato con accezioni osè. Tuttavia, il famoso detto deriva dal cognome di una persona, per la precisione, di un Generale. Inoltre, esso sembra avere origini abbastanza moderne, risalenti ai primi anni del Novecento.




Il Generale Mazza e il tremendo terremoto di Messina

L’espressione Non capire una mazza è stata coniata dai messinesi durante l’emergenza scaturita dal Terremoto di Messina del 1908, ma qual è il suo vero significato? Innanzitutto, con questo detto si indica incapacità, inefficienza e mancata comprensione di un determinato fenomeno o di una situazione. È proprio quello che accadde all’Autorità che avrebbe dovuto gestire l’emergenza scoppiata a Messina a causa della catastrofe.

La storia ci insegna che il Terremoto di Messina fu una vera e propria strage. Lunedì 28 dicembre 1908 il sisma di 7.1 Mw (XI Mercalli) si abbatté violentemente sullo Stretto. Esso colpì Messina e Reggio Calabria intorno alle 5:20 del mattino, interrompendo la maggior parte delle vie di comunicazione. L’evento sismico scaturì anche un violento maremoto che danneggiò gran parte del Comune siciliano. Furono rasi al suolo impianti elettrici, tubature del gas e il 90% degli edifici.





Qualche giorno dopo il sisma, il Re d’Italia Vittorio Emanuele III decise di rimuovere il Sindaco in carica, Gaetano D’Arrigo Ramondini. Al suo posto nominò il Generale Francesco Mazza. Mazza era originario di Rivanazzano, in provincia di Pavia. Decise di stabilire il suo “quartier generale” sulla nave Duca di Genova, che era ormeggiata nel porto di Messina.

Il Generale non perse tempo per finire su tutti i giornali dell’epoca per la sua discutibile condotta. Invece di fronteggiare l’emergenza, trasformò la sua nave in un luogo di perdizione, dove lo sperpero regnava indisturbato. Inoltre, invece di  ricercare i superstiti sotto le macerie, decise di recuperare l’oro e i beni di valore delle banche cittadine. Non sorprende il fatto che il Generale fu rimosso dal suo incarico poco dopo.




“Non capire una mazza”, il significato di un’espressione che calza a pennello con il nostro tempo

Il tragico Terremoto di Messina, oltre a scrivere un buio capitolo di storia, insegna che molto spesso ci si ritrova nelle mani dell’incapacità. La discutibile gestione delle emergenze, che non mira al bene comune, a quanto pare, è abbastanza nota alla storia. Non capire una mazza è un esempio lampante di incapacità e scarsissimo interesse verso il benessere di una comunità. Non a caso, in seguito alla condotta del Generale Mazza, l’espressione si diffuse in tutta Italia.

Silvia Zingale

 

Stampa questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.