Pesce vegano: com’è fatto il pesce “senza pesce” in arrivo in Italia?

Il consumo di alimenti a base vegetale è in continua crescita, anche in Italia. Dal 2018 il numero di persone che ha intrapreso una dieta vegan è aumentato e, attualmente, il 7,3% degli italiani è vegano. Con la crescita dell’interesse a proposito delle alternative cruelty free è aumentato conseguentemente anche il consumo di alimenti a base vegetale, i quali sono sempre più reperibili all’interno di supermercati e negozi.

Prossimamente arriverà in Europa il nuovo pesce vegano, ideato per coloro che vogliono seguire una dieta vegetale senza rinunciare al gusto del pesce!

Dopo il successo incredibile della vegan meat, apprezzata da vegani e non, le industrie hanno iniziato a scervellarsi su come creare il pesce vegano, che ora sembra essere divenuto realtà.

Molte persone vorrebbero intraprendere una scelta alimentare vegetale per etica o per salute, tuttavia spesso risulta difficile abbandonare le proprie abitudini. In questo senso ogni giorno si sperimentano alimenti vegetali surrogati di qualche alimento di origine animale. Già mesi fa, avevano fatto parlare di sé le Just Egg, uova vegane made in Italy.

L’esaurimento delle risorse e le problematiche ambientali stanno portando a un aumento del numero di persone che scelgono di non mangiare più pesce. Visto ciò, l’azienda californiana Impossibile Food ha deciso di portare in tavola un’alternativa al pesce, creando il pesce vegano. L’azienda è divenuta famosa per la sua carne vegana, distribuita nei supermercati e fast food di tutto il mondo. Scopo principale dell’azienda è quello di creare proteine sostitutive per ogni tipo di pesce e carne. In questo modo sarà possibile favorire la riduzione l’impatto ambientale prodotto dagli allevamenti entro il 2035.

Molti sono gli esperimenti riguardo al pesce vegano condotti da altre aziende, come per esempio il tonno della Good Catch, il salmone di laboratorio della Wild Type, il filetto della Gardein.

Pesce senza pesce, com’è fatto?

Alla base della produzione del pesce vegano vi è l’eme, ovvero una proteina creata con la fermentazione di lievito geneticamente modificato unito a materiale genetico della soia. Questa proteina si presta in modo ideale alla riproduzione di consistenza e sapore del pesce, infatti già in passato l’Impossible Food l’aveva utilizzata per un brodo di pesce. Il pesce vegano dell’Impossibile Food sta spopolando in Canada e Stati Unite e tra non molto arriverà anche in Europa.

Bisogna dire che molte persone vegane e vegetariane si dimostrano contrarie a questo tipo di prodotti, che ricordano sapore e petto di prodotti animali. Tuttavia, sono alimenti utili per chi desidera avvicinarsi gradualmente a questo stile di vita senza un cambiamento di vita troppo drastico e veloce.

Asia Lupo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *