Attingere al potere terapeutico dell’acqua per ridurre i costi sanitari

Dalla parte di chi lotta per essere riconosciuto, dell'essere umano e dei suoi diritti.
Contribuisci a preservare la libera informazione.

DONA

Vivere vicino a corsi d’acqua. Vi è una crescente evidenza che passare il tempo nell’ambiente naturale può tradursi in importanti benefici per la salute mentale e fisica. Possono prevenire le malattie e ridurre le spese mediche, secondo uno studio cross-section sulla popolazione in Inghilterra. Partendo dall’evidenza che gli ambienti naturali (parchi, boschi, spiagge) sono luoghi chiave per l’attività fisica.

Hanno stimato la quantità totale annua di attività fisica ricreativa per adulti negli ambienti naturali dell’Inghilterra e valutato le implicazioni per la salute della popolazione. Ora la ricerca suggerisce che i cosiddetti spazi blu – aree con tratti d’ acqua – potrebbero essere particolarmente vantaggiosi. Il dott. Mathew White – psicologo ambientale presso l’Università di Exeter, Regno Unito – sostiene che l’esposizione agli ambienti blu ha maggiori benefici per la salute. Rispetto a visitare uno spazio verde.





Una delle ragioni è che nelle aree con corsi d’ acqua si ha maggiore probabilità di fare passeggiate più lunghe. Oltre a nuotare. Il che aiuta a ridurre il rischio di sviluppare malattie croniche come: il diabete, le malattie cardiache e il cancro. Ma l’ acqua può avere anche altri vantaggi.

Gli spazi blu possono direttamente ridurre lo stress psicologico e migliorare l’umore.

Suddetti spazi possono direttamente ridurre lo stress psicologico e migliorare l’umore. Ha affermato il dott. White, che è anche ricercatore capo in BlueHealth. Un progetto che esamina la relazione tra questo tipo di infrastrutture blu e la salute e il benessere delle persone.

La ragione esatta per cui l’acqua è mentalmente terapeutica è ancora sconosciuta. Ma, secondo i ricercatori, può essere collegata alle prospettive aperte, alla luce riflessa e ai paesaggi sonori associati.  La depressione è stata anche collegata al distacco dall’ambiente naturale. Quindi gli spazi blu sono utili per “ridurre il negativo e migliorare il positivo”.

I benefici mentali e fisici degli spazi blu possono sembrare ovvi ai 200 milioni di persone in Europa che vivono vicino alla costa. Tuttavia, per aiutare il grande pubblico ad abbracciare tutti i benefici per la salute, richiede modalità progettate specificamente. Per accedere e apprezzare gli spazi blu in sicurezza. Una delle cose a cui i ricercatori sono interessati è come quantificare gli spazi blu in modo da dare loro un valore economico. Ciò per giustificare gli investimenti in infrastrutture.

BlueHealth mira a raccogliere dati concreti per convincere i responsabili delle politiche a investire in spazi blu, in particolare nelle aree urbane. Per fare ciò, hanno condotto di recente un sondaggio internazionale che chiede a 18.000 persone il tipo di attività che svolgono negli spazi blu di tutta Europa. Nel tentativo di determinare le implicazioni che ciò ha per la salute pubblica. I risultati sono attesi entro la fine dell’anno.

Agopuntura urbana

BlueHealth sta anche lavorando su modi innovativi per aumentare l’accesso agli spazi blu. Come l’uso della realtà virtuale per coloro che non sono fisicamente in grado di fare il viaggio verso l’oceano. Ad esempio  le persone nelle strutture di cura, migliorare l’accesso attraverso gli interventi della comunità locale. Chiamati agopuntura urbana.

Questo è un concetto di pianificazione urbana che comporta il lavoro con le comunità locali per apportare piccole modifiche ai corpi idrici. E collegare così i potenziali benefici per la salute fisica e mentale al pubblico. Questo può includere una piattaforma panoramica lungo un lago o un percorso verso un fiume.

Migliorare l’accesso all’ acqua, tuttavia, aumenta i rischi come l’esposizione delle persone alle inondazioni o potenziali annegamenti. Se uno spazio blu viene lasciato incustodito. Tuttavia, secondo la Professoressa Lora Fleming dell’Università di Exeter principale investigatore di BlueHealth, “gli ambienti naturali hanno sia rischi che benefici“. Ma è ancora possibile migliorare l’accesso agli spazi blu tenendo a mente questi aspetti.

In uno dei numerosi casi di studio in tutta Europa, i ricercatori della BlueHealth hanno lavorato con il Comune di Plymouth sulla costa meridionale dell’Inghilterra per aiutare a rigenerare un’area sul lungomare. Nel tentativo di migliorare la salute e il benessere locali. Coinvolgendo i residenti locali e le parti interessate, hanno contribuito a costruire un piccolo anfiteatro affacciato sulla costa. E un’area giochi sicura per i bambini, che ospiterà speciali eventi familiari e sessioni scolastiche gestite. Tra l’altro, dall’acquario locale e dalla fauna selvatica.

Senza escludere gli impatti potenziali dell’innalzamento del livello del mare a causa dei cambiamenti climatici e dell’erosione costiera. Costruendo così il teatro in modo tale da proteggerlo per i decenni a venire.




Salute

Non esiste un unico luogo in cui gli spazi blu siano effettivamente coordinati, molto dipende dalle autorità locali. Senza dubbio le politiche del governo devono essere modellate in modo che si completino a vicenda. In modo da riflettere in più settori come la salute, l’ambiente, il turismo e i trasporti.

Alcune delle politiche e delle direttive europee sono controproducenti. Come nel caso delle direttive sull’habitat e sugli uccelli per salvare gli uccelli marini. Ma la riduzione dei rigetti dalla riforma della politica comune della pesca ridurrà il cibo per gli uccelli marini che dipendono da questi rigetti.  Così diverse le politiche possono talvolta funzionare a scopi incrociati.

I responsabili politici hanno quindi bisogno di informazioni concrete che possano aiutare a convincere le autorità locali in merito ai potenziali benefici ambientali, economici, sociali e sanitari. Anziché concentrarsi su un solo aspetto.

L’European Marine Board (EMB) sta ora lavorando con il team di Exeter BlueHealth per coordinare un nuovo progetto chiamato SOPHIE. Un progetto che sta esaminando il modo in cui l’ambiente marino e la salute umana sono inestricabilmente collegati. Sheila Heymans, direttore esecutivo dell’EMB afferma: ‘C’è un legame con la salute degli esseri umani per la salute degli oceani’. ‘È necessario finanziare la ricerca interdisciplinare per renderlo chiaro’.

 

Felicia Bruscino

 

 

Stampa questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.