Prete in possesso di due fucili: “Credo nella legittima difesa”

Don Antonio Mandrelli, parroco a Pietralunga in provincia di Perugia, all’ennesimo furto subito, per difendersi dai ladri ha imbracciato i fucili.

“Io prima di tutto sono un cittadino italiano, poi sono un credente e, al terzo posto, sono un prete. Ma per prima cosa sono un cittadino e penso di avere dei diritti. Uno di questi è per me la legittima difesa” precisa in un’intervista al Corriere dell’Umbria.

E ci tiene a precisare che è simpatizzante della Lega.

Impossibile non pensare a Don Camillo di Fernandel, nell’omonimo film degli anni ’50, che impugnando un fucile, parlava al Signore spiegando: << Sono solo pallini.. piccoli piccoli..>>. Da questa scena avrà preso spunto il parroco, nella cui casa sono stati ritrovati una carabina e un sovrapposto, mentre è stato denunciato il furto di una pistola Beretta. Di certo non porge l’altra guancia Don Antonio e alla domanda se possa essere conciliabile l’attività di pastore con il possesso di armi aggiunge

“se un ladro entra non lo ucciderei, ma gli metterei paura: dal ginocchio in giù, dopo aver esploso un colpo in aria, gli si potrebbe anche sparare”.

La legittima difesa

Il tema della legittima difesa è tornato alla ribalta recentemente, quando nel 2016 si è auspicata una riforma dell’art. 52 del Codice penale. Da sempre considerato un tema delicato, in quanto accompagnato da una forte spinta emotiva e a rischio di strumentalizzazioni da parte di chi cavalca il clima di insicurezza e di paura verso il prossimo. Ma un punto rimane: l’equilibrio tra il diritto di difesa da una aggressione e l’eccesso di legittima difesa.

La normativa italiana

Il Codice penale definisce la legittima difesa come la situazione in cui chi ha commesso il fatto è mosso dalla necessità di difendere un diritto proprio od altrui contro il pericolo attuale di un’offesa ingiusta, sempre che la difesa sia proporzionata all’offesa. Nel 2006 si è intervenuti con una preliminare modifica di questo articolo, introducendo il diritto all’autotutela in un domicilio privato oltre che in un negozio o un ufficio. Ma la riforma sostanziale si è avuta solo recentemente: con il nuovo testo, ancora da approvare alla Camera, si riconosce “sempre” la sussistenza della proporzionalità tra offesa e difesa, “se taluno legittimamente presente nell’abitazione altrui, o in un altro luogo di privata dimora, o nelle appartenenze di essi”, usa un’arma legittimamente detenuta o altro mezzo idoneo col fine di difendere se stesso o altri, i propri beni “quando non vi è desistenza e vi è pericolo di aggressione”. Inoltre si prevede l’esclusione della punibilità per coloro che agiscono in stato di grave turbamento.

L’insegnamento della Chiesa

Il Catechismo della Chiesa cattolica dedica i nn. 2.263 – 2.267 al tema della legittima difesa, da un lato, non costituisce mai un’eccezione alla proibizione di uccidere l’innocente, ma dall’altro, rappresenta un diritto legittimo a far rispettare il proprio diritto alla vita e un dovere nel caso di responsabilità della vita altrui. Il ricorso alla forza a scopo di difesa non è sempre legittima, ma deve rispondere a tre condizioni. Quali? Anzitutto deve costituire un rimedio estremo e inevitabile, in quanto sono state esperite senza successo tutte le possibilità di difesa e dissuasione. Inoltre la violenza deve essere reale ed effettiva, non presunta o possibile. Infine la reazione difensiva deve essere proporzionata alla violenza dell’offesa.

Ma il prete in possesso di due fucili seguirà le prescrizioni del Catechismo?

Serena Fenni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *