Principe Filippo e famiglia reale inglese: storia di misoginia e razzismo

Principe Filippo, dopo la sua morte tutte le testate mondiali lo piangono, ma chi era davvero?

Che nella storia della famiglia reale più acclamata al mondo, ci siano degli scheletri dell’armadio è, ormai, assodato. Il Principe Filippo, consorte della regina Elisabetta, si è spento lo scorso 9 Aprile a causa di un’infezione al cuore. A questo proposito, tutte le testate mondiali hanno speso parole di rammarico e amarezza in merito alla sua dipartita. Quello che, però, viene tralasciato sono le “gaffe” poco royal che lo hanno visto protagonista nella sua vita. La Bbc ha raccolto alcuni dei suoi “scivoloni” più importanti che lo hanno caratterizzato quando era in vita.

Le gaffe del Principe Filippo

Alcune delle più clamorose, hanno al centro delle affermazioni una mentalità razzista e misogina che, nel corso della storia, ha contraddistinto più volte la corona inglese.


Tra queste va sottolineata l’esclamazione del Principe: “Non penso che una prostituta sia moralmente superiore ad una moglie, ma alla fine entrambe fanno la stessa cosa.” . Inoltre, come dimenticare, il suo: “Le donne scozzesi non sanno cucinare”, con il quale volle relegare la cucina come compito delle donne.

Degna di nota è anche la risposta che l’uomo diede durante l’incontro con il premio Nobel per la pace: Malala Yousafzai, la ragazza che aveva ricevuto una condanna a morte dai talebani perchè rivendicava il diritto di andare a scuola. Il reale le disse: “I bambini vanno a scuola perchè i genitori non li vogliono a casa.” Allora ci scusi, sua maestà, se non tutte le famiglie hanno la possibilità di istruire i propri bambini grazie a degli insegnanti privati e qualificati.

Bisogna ricordare, poi, quella volta in cui si presentò a corte un importante imprenditore aborigeno australiano, al quale chiese, poco cortesemente: “Siete ancora soliti tirarvi le lance?“. O ancora, ad uno studente inglese che si era stabilito in Cina per un progetto di studio simile all’Erasmus disse: “Se resti qui a lungo ti verranno gli occhi a mandorla.”

Accuse di razzismo alla famiglia inglese

L’ambiente in cui il principe è cresciuto, Principe Filippotuttavia, non era tanto diverso dal modo di pensare del marito della regina Elisabetta. Sarà noto, ormai, a tutti lo scandalo che ha colpito la famiglia britannica per eccellenza, dopo l’intervista rilasciata da Harry e Meghan. Stando alle informazioni fornite, un membro della corte si sarebbe preoccupato per il colore della pelle di loro figlio. Il Principe Filippo, però, non era coinvolto nell’accusa.

Si può facilmente intuire il clima dentro il quale il principe si è formato e che ha portato la sua mentalità verso verità poco rispettose e poco idonee. Bisogna tenere bene in mente che questa non è, di certo, una scusante, ma solo una denuncia, perchè nessuno debba mai più subire gaffe simili, a maggior ragione da una personalità celebre e affermata come la sua.

Mariachiara Grosso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *