Proteste in Sudafrica per la pubblicità “razzista” di H&M: negozi saccheggiati

Un gruppo di manifestanti di estrema sinistra saccheggia i negozi e distrugge le vetrine

fonte: www.twitter.com
0

Proteste in Sudafrica da parte di un gruppo di manifestanti del partito di estrema sinistra Economic Freedom Fighters (EFF). Obiettivo dei manifestanti sono stati alcuni negozi della catena H&M. Il motivo è la famigerata pubblicità di una felpa del suddetto marchio fatta indossare da un bambino nero, riportante la frase “la scimmia più cool della giungla”.

La protesta

I manifestanti, vestiti di rosso con il logo EFF, hanno innalzato scritte come “Abbasso H&M” e “H&M, saluta le scimmie più cool”. Ma la protesta è andata ben oltre. Reuters riporta che sei negozi della catena svedese localizzati nella provincia di Gauteng, in particolare a Johannesburg, sono stati saccheggiati. Nello scenario anche vestiti buttati a terra e vetrine distrutte.




Alla guida della manifestazione vi era Mbuyiseni Ndlozi, portavoce di EFF. Nonostante le scuse dell’azienda e la conseguente rimozione della foto dal sito, per l’esponente di estrema sinistra, la replica di H&M “è troppo poco” ed è arrivata “troppo tardi. Da qui, nascerebbe la necessità di reagire con vigorose proteste.

Gli agenti di polizia riferiscono di aver anche sparato proiettili di gomma per disperdere i manifestanti. Nessuno è stato arrestato, almeno finora.

Chi sono gli EFF?

Protesta Sudafrica
Julius Malema
Fonte: www.africarivista.it

Si tratta di un partito politico socialista rivoluzionario, fondato da Julius Malema nel 2013. Attualmente è il terzo partito in entrambe le camere del parlamento sudafricano.

Il partito si propone di affrontare la corruzione, fornire alloggi sociali di qualità, assistenza sanitaria e istruzione primaria gratuite a tutti. Tra gli altri obiettivi ci sono l’esproprio dei “terreni rubati” dai bianchi, la nazionalizzazione dei settori minerario e bancario, il raddoppiamento delle sovvenzioni sociali e il salario minimo. Sostiene la reintroduzione della pena di morte.

È un partito estremamente criticato per la struttura militare e per i metodi razzisti e violenti. Per fare un esempio, nel febbraio 2016, l’esponente EFF Omphile Selekedurante, durante violente proteste universitarie caratterizzate da atti vandalici, ha pubblicato sui social delle istruzioni per fare bombe a benzina.

Lo stesso presidente Malema ha dichiarato durante una manifestazione politica nel 2016: “Noi – di EFF – non chiediamo il massacro dei bianchi, almeno per ora. Noi non stiamo promuovendo la violenza, ma non posso garantire il futuro“.

Ideologie, quelle del partito a capo delle proteste in Sudafrica, sicuramente molto controverse.

Rossella Micaletto

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi