Psichedelia nella cultura visiva dell’epoca beat 1962-1972

Psichedelia – presentata nel 2005 con il titolo The Pope Smoked Dope alla City Gallery di Praga – attraverso elementi del mondo della musica e della scena alternativa, intraprende un viaggio tra musica beat e rock e della sua influenza sul design grafico tra il 1962 e il 1972 Quest’esposizione si propone di evocare lo spirito che ha spinto gran parte di una generazione che, attraverso il loro aspetto, preferenze musicali e, in una certa misura, l’atteggiamento politico, ha denunciato e respinto le convenzioni prevalenti trovando nella musica una via di fuga.

Tenendo conto che per i giovani di quel periodo la musica ha funzionato come elemento chiave nella loro formazione vitale, sentimentale e persino ideological. Sembra pertinente prestare attenzione all’espressione visiva della musica e alle sensazioni generate dai manifesti e dalle copertine degli album.

Psichedelia-nella-cultura-visiva-della-epoca-beatIn mostra, fino al 20 gennaio,  al Circolo di Belle Arti di Madrid, uno spettacolo attraverso copertine e opuscoli sul rock al tempo del Flower Power attraverso l’archivio privato dello storico dell’arte e collezionista ceco Zdenek Primus.




Il decennio degli anni ’60 divenne il germe di ciò che oggi chiamiamo controcultura giovanile. Hanno cercato di denunciare le ingiustizie e massacri di lotte, come la guerra del Vietnam, ma le proteste non si è fermata lì. E ‘stata una ribellione contro l’ordine costituito, sia della polizia, genitori, insegnanti o dirigenti, che ha preso forma nella marijuana, LSD e nella musica. Soprattutto nella musica.

Tutto ebbe inizio con i Beatles nel ‘62, che hanno smosso nei giovani il sentimento di ribellione. Come spiega Zdnek Primus, collezionista, storico d’arte e curatore della mostra ceca. L’intento di questo, come afferma il suo responsabile, non è quello di elaborare “una teoria socio-filosofica di questa scena”, ma “di invocare lo spirito del tempo vissuto in una generazione che, per il suo aspetto, le preferenze musicali e l’atteggiamento politico denunciato i fallimenti e l’amoralità della società “.

Il tour inizia con la beatlemania e termina nell’anno 72 perché, secondo Primus, “gli anni ’60 andarono avanti per un po ‘fino a quando non iniziò un altro tipo di rock più complicato e diverso.” Quello che era emerso nel campo della musica beat si evolse verso il virtuosismo. ” L’ispirazione, quindi, iniziò a cercare altre figure come la leggenda del jazz Miles Davis.

Primus riconosce che “il suo campione è tutt’altro che perfetto”, ma non ancora in ritardo. È un repertorio di artisti del calibro di Bob Dylan, Pink Floyd, Janes Joplin e The Doors, un gruppo che ha una stanza speciale immersa nella luce ultravioletta e musica a tutto volume. Inoltre, l’illuminazione cambia colore: oscilla tra rosso, verde e viola, facendo sì che i poster appesi possano variare il loro disegno. Un effetto psicotropico molto significativo di ciò che significava l’era del Flower Power .

San Francisco, culla della controcultura

Purr essendo stati i Beatles a far trionfare Psichedelia l’onda che ha raggiunto il mondo intero è stata partita da San Francisco. Con poster di concerti rock e danze, come Fillmore West organizzato da Bill Graham o quelli di Family Dog Productions.

Non a caso l’idea – di Primus – parte proprio in seguito alla visita ad un amico in Colorado, rivelatosi collezionista di poster psichedelici da San Francisco.  Una delle principali culle del movimento hippy negli anni ’60.  Cosicchè parte una ricerca e selezione di diversi reperti psichedelici in Europa e nella vecchia Cecoslovacchia, dove non fu semplice trovarne.

Il 1972 fu per la Cecoslovacchia un anno di dimissioni in cui la disperazione fu installata in quasi tutte le discipline dopo il fallimento della Primavera di Praga. In Cecoslovacchia l’informazione non scorreva liberamente, ma c’erano notizie di un movimento alternativo che trasgrediva la cultura ufficiale. La narrativa espositiva è allo stesso tempo un piccolo racconto biografico e un approccio – completo e parziale – a un decennio che prometteva più di quello che poteva offrire.




Il caso della Spagna è ancora più complicato e, “sfortunatamente”, Primus non è riuscito a reperire alcun poster.  Eppure vi sono stati  gruppi come Los Brincos o Los Bravos, fenomeno internazionale grazie a brani come Black is black e alle apparizioni in film come Los chicos con las chicas. Il motivo di questa carenza? Probabilmente, la dittatura di Franco che colpì il paese e fu caratterizzata, tra le altre cose,  dal suo ermetismo all’estero.

Nel frattempo, in altri luoghi, gli anni ‘ 60 servivano per tentare di svincolarsi dai legami del ventesimo secolo. Ciò è particolarmente evidente nei testi. Alcuni erano molto poetici, altri un po’ come una grande valanga, come se stessero sfidando la gente a ribellarsi contro ciò che li stava distruggendo”. Come nel caso di Frank Zappa e le sue Madri dell’invenzione, uno dei gruppi più distinti. Non solo per i testi, ma anche per l’estetica.

Psichedelia-nella-cultura-visiva-della-epoca-beatGran parte della controcultura dell’epoca era contro la guerra, ma, secondo lo storico, questa non era l’unica ragione per la sua esistenza: “Era chiaro che stavano combattendo contro la guerra, nel nostro caso contro la Guerra Fredda e negli Stati Uniti contro la guerra del Vietnam. Ma la ribellione è soprattutto contro le autorità.

Allora uno dei simboli di coraggio era portare i capelli lunghi. Contemporaneamente era presente anche un altro elemento: la droga. “Senza di essi  non sarebbe stato possibile raggiungere questa psichedelia.

Motivo per cui, la mostra ha generato qualche polemica proprio perché espone gruppi legati alla psicotropia. La stessa mostra è stata presentata 13 anni fa a Praga con il titolo The Pope Smoked Dope , in riferimento all’album del musicista David Peel. “La Repubblica Ceca è un paese molto conservatore, e alla presentazione qualcuno dal Vaticano giunse sul posto per negare che il Papa stesse usando droghe”. Così come ricorda Primus.  Altra visita da parte di un collettivo antidroga. Il cui intento era di smantellare la mostra perché pensavano che si trattasse di allucinogeni.

D’altra parte, le copertine degli album spesso girano le spalle al caos colorato che regnava nell’era beat. Ciò che domina sono le tonalità, le lettere minimaliste e il carattere Helvetic. “Tutto finisce un giorno, e ciò che viene dopo tende ad essere sempre contro ciò che l’ha preceduto, e che non poteva essere seguito all’infinito.” Quello che venne dopo fu una reazione contro la droga, contro la ricarica e contro la ribellione .

Ma la controcultura non è esclusiva degli anni ‘60 o di un genere specifico. Attualmente, si possono anche trovare movimenti contrari ai valori culturali tradizionali. O, almeno, questa è la base teorica della musica come il trap. Vedremo in futuro un’esibizione che, al posto della psichedelia rock, salverà questa corrente? Primus sostiene: “Non è possibile, perché dovrebbe essere un movimento di massa e il trap è una cosa minimalista che molti di noi non conoscono, qui parliamo di molti paesi uniti attorno a quella musica e all’estetica“.

 

Felicia Bruscino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *