Quanti riconoscono lo Stato di Palestina?

Lo Stato Palestinese gode attualmente del riconoscimento bilaterale di 139 Stati (il 70% dei Paesi membri delle Nazioni Unite). 90 di questi hanno accordato il proprio riconoscimento alla Palestina a seguito della dichiarazione d’indipendenza del Consiglio nazionale palestinese del 15 novembre 1988. Ad Algeri, Algeria.

La Palestina, situata in un prezioso crocevia geografico tra Africa e Asia, è una piccola regione che ha svolto un ruolo di primo piano nella storia antica e moderna del Medio Oriente. Non è mai stata una nazione indipendente e fino al 1914 la Palestina era parte dell’impero Ottomano. Una regione scarsamente popolata e con un sistema semifeudale. Nel 1880 il territorio accoglieva circa 24 mila ebrei e 150 mila arabi. Nel 1945 gli arabi erano saliti a 1 milione e 240 mila, mentre gli ebrei erano 553 mila. Solo Gerusalemme era un considerato un importante centro urbano.

Dalla caduta dell’Impero Ottomano nella prima guerra mondiale al 1948, la Palestina si riferiva tipicamente alla regione geografica situata tra il Mar Mediterraneo e il fiume Giordano. Oggi, gli arabi che chiamano questo territorio casa sono conosciuti come palestinesi dall’inizio del XX secolo. Un popolo, quello palestinese, che ha un forte desiderio di creare uno stato libero e indipendente in questa regione contesa del mondo.

Riconoscere il diritto di un popolo all’autodeterminazione non è una sorta di premio che un paese conferisce a un altro per generosità. Al contrario è un principio fondante della Carta delle Nazioni Unite. Come pilastro importante per lo sviluppo di relazioni amichevoli tra le nazioni e per il prevalere della pace. Lo Stato di Israele, dichiarato indipendente il 14 maggio 1948, si costituisce a seguito contraddittoria politica di decolonizzazione. Attuata con gravissime responsabilità da Francia e Gran Bretagna.

Il 70% dei membri delle Nazioni Unite riconosce lo Stato di Palestina.

Oggi, la Palestina include teoricamente la Cisgiordania, un territorio che si trova tra l’odierna Israele e la Giordania. E la Striscia di Gaza (che confina con l’odierna Israele e l’Egitto). Tuttavia, il controllo su questa regione è una situazione complessa e in evoluzione. Non c’è consenso internazionale riguardo ai confini. Inoltre, molte aree rivendicate dai palestinesi sono state occupate da israeliani per anni.

Il conflitto arabo-israeliano, che ha trasformato la terra di Palestina in un campo di battaglia permanente, non è altro che un prodotto tragico del nazionalismo. Inserito in un contesto di forte conflittualità religiosa. Attualmente, più di 130 Stati riconoscono la Palestina come uno stato indipendente (il 70% dei Paesi membri delle Nazioni Unite), ma Israele e alcuni altri paesi, inclusi gli USA, non “approvano”.

Il primo paese a riconoscere lo Stato di Palestina fu l’Algeria, il 15 novembre 1988.

La Palestina è stata proclamata indipendente dall’Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP) nell’anno 1988. Successivamente timbrata dagli Accordi di Oslo nel 1993. L’accordo ha dato vita all’Autorità Palestinese che è diventata l’organo di governo dello Stato di Palestina.

L’OLP ha stabilito molte relazioni diplomatiche con quasi tutti i paesi del mondo, di cui 139 Stati membri dell’ONU la riconoscono come uno Stato separato. Il riconoscimento principale viene da India, Russia, Cina, Medio Oriente, ecc. I paesi come gli Stati Uniti, il Canada e altri paesi dell’Europa occidentale non hanno ancora identificato l’indipendenza della Palestina.

Tuttavia riconoscono l’OLP come “rappresentante del popolo palestinese”, mantenendo con esso relazioni diplomatiche. Molti dei paesi che non riconoscono la Palestina come stato, sostengono una soluzione a due stati. Ma il loro riconoscimento di uno stato palestinese è condizionato a negoziati diretti tra Israele e l’Autorità Nazionale Palestinese.

Finché coloro che sono in una posizione di potere in Israele continueranno a giocherellare con l’idea di posticipare o procrastinare la sovranità palestinese. Ciò può ritardare o addirittura uccidere la possibilità della stessa.

Dopotutto, l’asimmetria già esistente tra Israele e palestinesi è stata sancita negli accordi di Oslo. Dove l’OLP ha riaffermato il suo riconoscimento del diritto di Israele di esistere. E, a sua volta, Israele ha riconosciuto l’OLP come l’unico rappresentante del popolo palestinese, ma non il diritto dei palestinesi all’autodeterminazione. Dal 2014, la Palestina tenta di essere inclusa nelle Nazioni Unite come Stato membro. A causa del veto degli Stati Uniti, finora è riuscita ad ottenere soltanto l’adesione.

Dal fallimento dell’iniziativa di pace di John Kerry nel 2014, il processo di pace tra israeliani e palestinesi è entrato in un prolungato letargo. Periodicamente, l’idea del riconoscimento formale di uno stato palestinese da parte di altri stati o organismi internazionali viene lanciata come un punto di svolta. Che romperà l’impasse. Ma finora, è stato più un rivolo che un diluvio di paesi e istituzioni che riconoscono la Palestina come stato.

Tuttavia, il tanto ambito riconoscimento come stato da parte del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite è rimasto sfuggente. Principalmente a causa del potere di veto degli Stati Uniti. Ciò significa che la Palestina rimane un’entità politica ibrida che molti paesi considerano uno stato ma non si spingeranno al punto di riconoscerla come uno stato indipendentemente.

Ciò significa che non viene trattato come un membro alla pari della comunità degli Stati sovrani.

Per troppo tempo la questione del riconoscimento è stata inquadrata come un premio in attesa dei palestinesi al termine dei negoziati. Ciò ha sempre posto i negoziatori palestinesi in una posizione inferiore al tavolo dei negoziati nei confronti di Israele. Che non è solo una forza militare ed economica superiore che occupa la sua terra, ma è formalmente uno Stato. Mettere a tacere la questione, e la frusta, dell’autodeterminazione palestinese accelererebbe i negoziati di pace e darebbe loro maggiori possibilità di successo.

L’ONU potrebbe non essere in grado di imporre la fine dell’occupazione israeliana della Cisgiordania e del suo blocco di Gaza. Ma può e deve, in linea con i propri articoli di fede, riconoscere la Palestina. Inoltre, è stata la risoluzione 181 dell’ONU a stabilire che “Stati arabi ed ebrei indipendenti entreranno in vigore in Palestina due mesi dopo che l’evacuazione delle forze armate della Potenza mandataria è stata completata. Ma, in ogni caso, non oltre il 1 ° ottobre. 1948.




Sicuramente, più di 70 anni dopo che questa risoluzione è stata approvata a larga maggioranza, è un’anomalia. Dove solo la metà è stata soddisfatta, indipendentemente dalle origini di questo fallimento. Il riconoscimento del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite non farà altro che riaffermare ciò che era sostenuto dalla maggioranza degli Stati membri nel 1947.

Riconoscere la Palestina riafferma i diritti innegabili e inalienabili di una nazione, nello stesso modo in cui ha portato il movimento sionista a stabilire lo stato di Israele. Riconoscere la Palestina significa opporsi all’occupazione, non compromettere il diritto di Israele di esistere in pace e sicurezza. L’onere ora è sulla coscienza e sulla saggezza della comunità internazionale.

 

Felicia Bruscino 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *