Rapporto mondiale sulla salute di rifugiati e migranti

Dalla parte di chi lotta per essere riconosciuto, dell'essere umano e dei suoi diritti.
Contribuisci a preservare la libera informazione.

DONA

L’ultimo rapporto dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha rilevato che rifugiati e migranti ricevono uno standard di assistenza sanitaria inferiore rispetto ai residenti locali. Inoltre, altri problemi che gli immigrati devono affrontare sono le barriere linguistiche, economiche e legali e l’accesso ineguale alle informazioni e ai servizi.  

Secondo il rapporto, in tutto il mondo milioni di rifugiati e migranti vivono in condizioni vulnerabili. Affrontano esiti sanitari peggiori rispetto alla popolazione ospitante.

Oggi ci sono circa un miliardo di migranti nel mondo, circa una persona su otto. L’esperienza della migrazione è un determinante chiave della salute e del benessere e i rifugiati e i migranti rimangono tra i membri più vulnerabili e trascurati di molte società. Afferma il Dr.Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’OMS.




Questo rapporto è il primo a offrire una rassegna globale della salute di rifugiati e migranti; richiede un’azione urgente e collettiva per garantire che possano accedere a servizi sanitari sensibili ai loro bisogni. Illustra inoltre la pressante necessità di affrontare le cause profonde della cattiva salute e di riorientare radicalmente i sistemi sanitari per rispondere a un mondo sempre più in movimento”.

Sulla base di un’ampia revisione della letteratura di tutto il mondo, il rapporto dimostra che rifugiati e migranti non sono intrinsecamente meno sani delle popolazioni ospitanti. È, piuttosto, l’impatto dei vari determinanti sanitari non ottimali, come l’istruzione, il reddito, l’alloggio e l’accesso ai servizi, aggravati da barriere linguistiche, culturali, legali e di altro tipo e l’interazione di queste durante il corso della vita, che sono dietro a scarsi risultati di salute.

Il rapporto ha ribadito che l’esperienza della migrazione e dello sfollamento è un fattore chiave per la salute e il benessere di una persona. Soprattutto se combinata con altri determinanti. Inoltre, nel rapporto, l’OMS ha chiesto ai paesi ospitanti di investire di più nel settore sanitario per migliorare l’assistenza sanitaria ai migranti.

Ad esempio, una recente meta-analisi di oltre 17 milioni di partecipanti provenienti da 16 paesi in cinque regioni dell’OMS ha rilevato che, rispetto ai lavoratori non migranti, i lavoratori migranti avevano meno probabilità di utilizzare i servizi sanitari. E avevano maggiori probabilità di subire un infortunio sul lavoro.

Le prove hanno anche mostrato che un numero significativo dei 169 milioni di lavoratori migranti in tutto il mondo sono impegnati in lavori sporchi, pericolosi e impegnativi. E sono maggiormente a rischio di incidenti sul lavoro, infortuni e problemi di salute legati al lavoro rispetto alle loro controparti non migranti, condizioni esacerbato dal loro accesso e utilizzo spesso limitato o limitato ai servizi sanitari.

L’OMS ha anche sottolineato che i migranti devono affrontare più barriere durante la navigazione nel sistema sanitario rispetto ai nativi.

Secondo l’OMS, questi ostacoli includono:

  • Stato giuridico incerto.
  • Discriminazione.
  • Barriere sociali, culturali, linguistiche, amministrative e finanziarie.
  • Ck di informazioni sui diritti alla salute.
  • Mancanza di spazio vitale.
  • Bassa educazione sanitaria.
  • Paura della detenzione e della deportazione.

Il rapporto ha dimostrato lacune critiche nei dati e nei sistemi informativi sanitari per quanto riguarda la salute di rifugiati e migranti. Sebbene i dati e le prove siano abbondanti, sono frammentati e non confrontabili tra i paesi e nel tempo. Per quanto queste popolazioni mobili siano talvolta identificabili nei set di dati globali utilizzati per il monitoraggio degli SDG, i dati sanitari spesso mancano dalle statistiche sulla migrazione.

E le variabili sullo stato migratorio spesso mancano dalle statistiche sulla salute. Ciò rende difficile determinare e monitorare i progressi di rifugiati e migranti verso gli SDG relativi alla salute.

Commentando questa situazione, il vicedirettore generale dell’OMS Zsuzsanna Jakab ha affermato che è necessario sostenere la salute di rifugiati e immigrati. Aggiungendo che sono necessari investimenti urgenti per migliorare la qualità, l’importanza e la completezza dei dati sanitari per rifugiati e migranti.

In precedenza, la Rete europea per la migrazione (EMN) ha pubblicato informazioni sull’esame delle sfide dei migranti nell’accesso ai servizi di salute mentale. E sulle risposte degli Stati membri a queste sfide.

Secondo la REM, sarebbe molto vantaggioso per tutti i migranti a rischio se un intervento immediato e un forte sostegno da parte dei paesi e delle comunità ospitanti adottassero misure come l’agevolazione dell’accesso ai servizi a prezzi accessibili. E non discriminatori. O la riduzione delle barriere di comunicazione.

 

Felicia Bruscino

Stampa questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.