Razzismo a Harvard: discrimina gli asiatico-americani

Dalla parte di chi lotta per essere riconosciuto, dell'essere umano e dei suoi diritti.
Contribuisci a preservare la libera informazione.

DONA

Scandalo dietro le mura di pietra e i grandi cancelli di ferro battuto di una delle più prestigiose università non solo d’America ma del
mondo: a Harvard si discrimina i candidati asiatico-americani. E’ l’accusa contenuta in una denuncia presentata ad un tribunale di
Boston da un gruppo no profit, Students for Fair Admissions (Sffa), secondo cui la blasonata università preferisce richiedenti bianchi, neri e ispanici, alcuni dei quali meno qualificati di quelli asiatico-americani.

In particolare l’ateneo valuterebbe ad un livello più basso le loro caratteristiche personali, come la simpatia. Harvard nega l’accusa, sostenendo che il tasso di ammissione degli asiatico-americani è cresciuto del 29% nell’ultimo decennio, portandoli al 22,2% del totale degli studenti ammessi, contro il 14,6% degli afro-americani, l’11,6% dei latinos e il 2,5% dei nativi americani o delle isole del Pacifico.

«Quello che Harvard non ammetterà è che la razza non è solo un fattore importante ma è la
considerazione dominante nell’ammettere ispanici e afro-americani», insiste la Sffa. «Un richiedente asiatico-americano con il 25% di
chance di ammissione, per esempio, ne avrebbe il 35% se fosse bianco, 75% se fosse ispanico e il 95% se fosse nero», aggiunge.

Accuse pesanti in un’istituzione alma-mater di presidenti Usa, da John Adams a Barack Obama, di giudici supremi e altri vip. Se i sospetti verranno confermati con la sentenza, rappresenteranno un comportamento inaccettabile che tradisce la fiducia intellettuale da cui Harvard dipende.

Stampa questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.