Referendum sull’aborto in Irlanda: Facebook blocca le pubblicità dall’estero

Dopo lo scandalo Cambridge Analytica, si vogliono evitare altre influenze esterne

In vista delle votazioni previste per il prossimo 25 maggio, i responsabili del social network hanno deciso di tutelare le votazioni.

0

A seguito dello scandalo legato a Cambridge Analytica e alle possibili interferenze nelle votazioni per le elezioni alla Casa Bianca e per la Brexit, i vertici di Facebook hanno adottato delle misure cautelative per il referendum sull’aborto in Irlanda, che si terrà il prossimo 25 maggio.




Referendum sull’aborto in Irlanda: una questione molto scottante

Fra due settimane, circa cinque milioni di elettori andranno alle urne per decidere attraverso un referendum se abrogare o meno l’ottavo emendamento della Costituzione. Tale emendamento sancisce l’illegalità dell’interruzione di gravidanza in Irlanda, tale divieto è stato istituito nel 1983. Fino al 2013 l’aborto era illegale anche in caso di rischio per la salute della madre, poi è stato ‘concesso’ per simili eventualità; ma tutt’ora una donna non può scegliere se interrompere una gravidanza, anche se questa è frutto di uno stupro o di un incesto e anche nel caso in cui ci siano delle anomalie fetali. Quello che altrove è considerato un diritto della donna e una scelta assolutamente libera e legittima, viene fortemente osteggiato in Irlanda, Paese fortemente cattolico e conservatore, il più cattolico e conservatore dell’Europa. Si temono influenze ed interventi dall’esterno, perciò i responsabili di Facebook hanno diffuso un comunicato in cui dichiarano:




“Come parte dei nostri sforzi per aiutare a proteggere l’integrità delle elezioni e dei referendum da influenze eccessive, abbiamo cominciato a rifiutare gli ads legati al referendum se questi provengono da fuori il territorio irlandese. Capiamo la delicatezza di questa campagna e stiamo lavorando duro per assicurare una neutralità a tutti i livelli il nostro obiettivo è semplice: aiutare ad assicurare un libero, giusto e trasparente voto su questa importante questione”.

Stando ad alcune stime del Guardian, sarebbero circa 3.500 le donne che ogni anno vanno nel Regno Unito per poter abortire, mentre altre 2.000 comprano pillole abortive illegali. Chi abortisce illegalmente rischia fino a 14 anni di carcere, ecco perché c’è questo ‘turismo ginecologico’ verso altri Paesi, Regno Unito in primis. In base ai dati diffusi dal ministero della Salute britannico, tra il 1980 e il 2015, in totale ben 165.438 donne si sarebbero spostate per praticare l’aborto.




Manifestazioni pro e contro il referendum

La questione è così importante e delicata che nei giorni scorsi si sono tenute diverse manifestazioni e proteste pro e contro il referendum sull’aborto in Irlanda. Se da un lato ci sono centinaia di donne che rivendicano il diritto di scegliere e di decidere del proprio corpo, dall’altro lato Pro Vita lancia appelli affinché si voti ‘No’ all’abrogazione dell’ottavo emendamento. La politica non prende posizione a riguardo, escluso Sinn Fein e i Laburisti, gli altri partiti preferiscono far scegliere ai propri elettori, ma sembra che il 40% di essi sia indeciso sul voto e, secondo alcuni sondaggi, il ‘Sì’ avrebbe il 46% delle preferenze, risultando perdente. Chi vincerà?

Carmen Morello

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Continuando a navigare sul sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi