Io Robot

Retinopatia diabetica: Il trattamento preventivo ne riduce le complicanze

VEGF ha rallentato la retinopatia diabetica

In uno studio clinico, il trattamento precoce con iniezioni di fattore di crescita endoteliale anti-vascolare (VEGF) ha rallentato la retinopatia diabetica. Questa è una complicanza del diabete che causa danni ai vasi sanguigni del tessuto sensibile alla luce nella retina. Tuttavia, due anni dopo lo studio quadriennale, l’effetto del trattamento precoce sulla vista era simile al trattamento standard, che di solito inizia solo dopo l’inizio della malattia tardiva. I risultati intermedi del DRCR Retina Network sono pubblicati su JAMA Oftalmologia.  Il National Eye Institute (NEI), una parte del National Institutes of Health ha sostenuto lo studio.

Mentre è possibile che le iniezioni preventive di farmaci anti-VEGF possano aiutare a proteggere la vista a lungo termine, non abbiamo visto alcun effetto sulla vista a due anni. Questi risultati suggeriscono che uno stretto monitoraggio e un trattamento di routine quando si sviluppano complicanze sono fondamentali per prevenire la perdita della vista dalla retinopatia diabetica.

30 milioni di americani hanno il diabete

Si stima che 30 milioni di americani abbiano il diabete, che può causare anomalie dei vasi sanguigni, inclusa la crescita di nuovi vasi sanguigni negli occhi.

Nelle prime fasi della retinopatia diabetica, chiamata retinopatia diabetica non proliferativa, i cambiamenti nei vasi sanguigni dell’occhio sono visibili ai medici. Tuttavia, generalmente non influenzano la vista.



Nelle fasi avanzate, le persone possono sviluppare retinopatia diabetica proliferativa, dove i vasi sanguigni retinali crescono in modo anomalo, e l’ edema maculare diabetico, dove il fluido fuoriesce dai vasi sanguigni retinali. Entrambi possono portare alla perdita della vista e alla cecità. Il trattamento, come con farmaci anti-VEGF, può rallentare o prevenire la perdita della vista nelle persone con retinopatia diabetica proliferativa. Ciò se il trattamento si verifica prontamente.

Lo studio

In questo studio, i partecipanti con retinopatia diabetica non proliferativa sono stati assegnati casualmente al basale per ricevere iniezioni di Eylea (aflibercept) o un’iniezione fittizia. Sono stati esaminati a uno, due e quattro mesi, e poi ogni quattro mesi per due anni, ricevendo Eylea o iniezione fittizia ad ogni visita.

I ricercatori hanno monitorato la loro acuità visiva e la gravità della loro retinopatia diabetica. Se la malattia progrediva, indipendentemente dal fatto che fossero nel trattamento o nel gruppo fittizio, i partecipanti ricevevano Eylea più frequentemente come viene somministrato nella pratica standard.

Se le loro condizioni non miglioravano con un ulteriore trattamento anti-VEGF, i partecipanti ricevevano altri trattamenti. Tra essi, la fotocoagulazione laser o la chirurgia, se necessario.

Lo studio ha incluso 328 partecipanti (399 occhi). In due anni, il tasso di sviluppo della retinopatia diabetica proliferativa è stato del 33% nel gruppo di controllo, rispetto al 14% nel gruppo di trattamento. Allo stesso modo, il tasso di sviluppo dell’edema maculare diabetico è stato del 15% nel gruppo di controllo, rispetto al 4% nel gruppo di trattamento.

Tuttavia, la perdita di acuità visiva è stata essenzialmente la stessa tra i due gruppi a due anni. Ciò suggerisce che il trattamento standard alla comparsa di retinopatia diabetica proliferativa è sufficiente per prevenire un’ulteriore perdita della vista in questo momento.

Agostino Fernicola

Agostino Fernicola

Leave a Comment

Recent Posts

Miss Stress: il piccolo gioiello proibito e perverso di Anita Dada

Miss Stress ti dice in faccia ciò che non vorresti succedesse nel tuo palazzo, ma che in realtà avviene giornalmente dentro…

17 ore ago

Vincent Chin: una morte che ha dato vita

Il brutale assassinio di Vincent Chin nel giugno del 1982 ha dato vita a numerose iniziative degli attivisti asiatici contro…

19 ore ago

Il premio Nobel ha ancora senso?

Attesi, applauditi, criticati, ricercati: da più di un secolo i premi Nobel sono tra i premi più importanti che si…

2 giorni ago

L’origine del virus SARS-CoV-2: rivelati i retroscena della Covid-19

Un libro inchiesta, quello di Paolo Barnard, Angus Dalgleish e Steven Quay, edito da Chiarelettere e pubblicato col titolo "L'origine…

2 giorni ago

Conseguenze climatiche di un conflitto nucleare: peggiori del previsto

La notizia che arriva dal National Center for Atmospheric Research sulla pubblicazione nella rivista scientifica Journal of Geophysical Research: Atmospheres…

2 giorni ago

Gli Ayoreo-Totobiegosode e il loro SOS: “Salvate noi e la nostra foresta”

Visto l'alto tasso di deforestazione, la tribù degli Ayoreo-Totobiegosode e le loro terre rischiano di sparire per sempre. Vivono al…

2 giorni ago
%%footer%%