La reunion di Friends in Cina subisce censure e tagli di alcuni ospiti

Dalla parte di chi lotta per essere riconosciuto, dell'essere umano e dei suoi diritti.
Contribuisci a preservare la libera informazione.

DONA

Lady Gaga, Justin Bieber e il gruppo K-pop Bts sono stati tagliati dalla reunion di Friends in Cina

I telespettatori cinesi hanno manifestato il loro malcontento di fronte ai tagli e alle censure subite da Friends: The reunion, andato in onda lo scorso 27 maggio in contemporanea con gli Stati Uniti. La delusione è stata duplice dal momento che si trattava proprio di Friends, di una trasmissione che ha conquistato il cuore del pubblico cinese, rendendo familiare la cultura e la televisione americane. Sono stati eliminati anche i riferimenti a tematiche spinose, come il mondo Lgbt.

Lady Gaga è stata eclissata per aver incontrato il Dalai Lama nel 2016 – anche i siti web che riguardano la persona del Dalai Lama o il movimento di indipendenza del Tibet da lui condotto sono censurati. La band sudcoreana Bts invece è stata punita per dei commenti considerati offensivi per la Cina in riferimento alla Guerra di Corea del 1950-1953. Uno dei componenti, per la precisione, avrebbe espresso solidarietà verso la sofferenza condivisa da Corea del Sud e Stati Uniti nel conflitto contro la Corea del Nord, sostenuta invece dalla Cina. Infine, Justin Bieber, avrebbe visitato il tempio Yasukuni a Tokyo, dove si commemorano i caduti in guerra giapponesi, ed è considerato un monumento al passato militarista del Giappone da Pechino e Seul.




Come funziona la censura in Cina

La consapevolezza di trovarsi di fronte a contenuti mediati dal pensiero della classe dominante fa parte della vita quotidiana dei cinesi. Nel 1998 è entrato in vigore il Golden Shield Project nella Repubblica popolare, un progetto di sorveglianza e censura di contenuti sul web potenzialmente pericolosi provenienti da paesi esteri, e coordinato dal Ministero della pubblica sicurezza. Il giornale Wired lo ha definito con un termine di scherno, Great Firewall, che ricorda anche la Grande muraglia.

Il progetto è stato ritenuto necessario dopo l’apertura della Repubblica all’economia di mercato, affinché le ideologie tradizionali non venissero contaminate dal modo di pensare all’occidentale. Viene censurato tutto ciò che possa distruggere l’ordine nazionale, portare alla resistenza alla Repubblica popolare, mostrare contenuti pornografici, rivelare segreti di Stato.

Francesca Santoro

Stampa questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.