La rivoluzione ecologica dei fast food: ecco come cambierà Burger King

Nel tentativo di ridurre gli sprechi, i clienti Burger King di New York, Portland e Tokyo potranno scegliere imballaggi riutilizzabili.

A partire dal 2021, Burger King lancerà un programma di economia circolare attraverso il cui prevede di servire i propri prodotti in imballaggi riutilizzabili. Il programma partirà da alcune sedi prescelte di Burger King nelle città di Tokyo, New York e Portland. Se la prova dovesse avere successo, Burger King pianifica di rendere disponibile l’opzione anche in altri luoghi e di renderla permanente.

Come è nata l’idea?

Il programma è nato dalla collaborazione di Burger King e Loop, una piattaforma di packaging circolare sviluppata da importanti aziende di prodotti di consumo. Lo scopo dichiarato è quello di ridurre l’impatto ambientale generato dalla cultura “to go” dei fast food.

Questo non è il solo programma per la salvaguardia ambientale in cui si è impegnata la catena di fast food. Burger King ha infatti dichiarato di puntare al riciclaggio di tutti gli imballaggi monouso dei ristoranti statunitensi e canadesi entro il 2025. Inoltre, tra i panini di Burger King è possibile trovare un’opzione vegana, la cui produzione ha un impatto ambientale notevolmente minore rispetto alla produzione dei classici panini a base di carne di manzo.




“Durante il Covid, abbiamo visto l’impatto ambientale causato dalla crescita degli ordini d’asporto. Questo rende l’iniziativa di Burger King ancora più importante” ha dichiarato Tom Szaky, fondatore e CEO di Loop.

Come funzionerà il programma?

Gli imballaggi riutilizzabili verranno resi disponibili in forma di scatole dei panini, bicchieri per le bibite e per le bevande calde. La scelta di utilizzare questi imballaggi richiederà il rilascio di un deposito da parte del cliente al momento dell’acquisto, che verrò rimborsato alla restituzione degli imballaggi vuoti.

Questi imballaggi verranno poi raccolti in appositi contenitori. Loop, l’azienda partner sovracitata, si occuperà di raccoglierli, lavarli, disinfettarli e riportarli ai ristoranti. L’obiettivo è quello di creare degli imballaggi riutilizzabili fino a cento volte.

Rivoluzione ecologica dei fast food?

La scelta di imballaggi riciclabili non è una prerogativa di Burger King. Precedentemente, anche McDonald’s ha deciso di collaborare con Loop per la creazione di imballaggi riciclabili. La catena ha annunciato la possibilità di utilizzare bicchieri riciclabili a partire dal prossimo anno nei ristoranti selezionati del Regno Unito .

La crescente consapevolezza delle conseguenze delle nostre scelte sull’ambiente potrebbe generare l’inizio di una rivoluzione ecologica dei fast food o si tratta di un altro esempio di greenwashing?

Noemi Rebecca Capelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *