Rizzoli e il Var: lavoriamo per migliorare

Rizzoli è stato un grande arbitro italiano, il terzo a dirigere una finale della Coppa del Mondo, quella disputata nel 2014 tra Germania e Argentina. Ha arbitrato anche una finale di Champions League e una di Europa League. Per due anni di fila (2014 e 2015) ha vinto il premio come miglior arbitro dell’anno al mondo e per sei anni consecutivi (2011-2017, anno del suo ritiro) è stato votato miglior arbitro del campionato italiano. Questo, per presentare Nicola Rizzoli.

Ora veniamo alla questione Var. Tutto (ri)nasce durante il match tra Roma e Inter dello scorso 1 Dicembre, partita in cui viene negato un rigore abbastanza netto a Zaniolo, centrocampista della squadra giallorossa.
https://www.youtube.com/watch?v=vDkavYuFND0
Apriti cielo. E per cielo a Roma si intende Totti. “Ma cosa ci stanno a fare? Guardavano un’altra partita? Ma non è possibile!” e altri frasi tutte sullo stesso tono (Totti oggi è dirigente della Roma). La partita al momento del fallo era sullo 0 a 0 e chissà, magari sarebbe andata in maniera diversa…



Il Var per Rizzoli

In ogni caso, lo sbaglio è stato piuttosto evidente per cui ecco scendere in campo il responsabile e designatore degli arbitri della Serie A, ovvero Rizzoli. “C’è poco da dire, è stato un errore. La cosa da sottolineare è che non va aggredito un protocollo, tante volte ci sono errori umani, sicuramente si lavorerà per migliorare”. Queste le sue parole per commentare l’accaduto.

Il Var (Video Assistant Referee) è uno strumento rivoluzionario e come tutto ciò che porta cambiamento ha bisogno di tempo per poter essere capito e perfezionato. Questo è solo il secondo campionato in cui si utilizza: molte partite hanno visto sentenziare correttamente alcuni episodi di gioco solamente grazie al Var. E’ un aiuto valido e concreto per gli arbitri. Tra qualche anno siamo certi che gli errori (perchè qualcuno continuerà ad esserci) saranno ridotti al minimo.

Alberto Pastori

Stampa questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *