Roma, quindicenne si suicida lanciandosi sotto la metro a Ponte Lungo

Ignote le cause che hanno spinto la giovane al tragico gesto. Linea A bloccata per diverse ore

0

Si è lanciata sotto il treno della Metro A alla stazione di Ponte Lungo, a Roma. Così è morta questa mattina una ragazza di quindici anni. Impossibile, per il conducente del mezzo, frenare in tempo utile per evitare l’impatto. I soccorsi sono stati immediati ma per la giovane non c’è stato nulla da fare. L’identità della vittima, inizialmente ipotizzata tra I 30 e 40 anni di età, è stata rivelata dalle forze dell’ordine.

 

SI INDAGA SUI MOTIVI DEL GESTO

Al momento è prematuro fare ipotesi sulle cause che hanno spinto la ragazza a compiere un gesto così estremo. Secondo quanto è stato finora ricostruito, la quindicenne stamattina sarebbe uscita di casa per andare regolarmente a scuola. Ma mentre si trovava sulla banchina della metropolitana, in direzione Battistini, si sarebbe girata verso gli amici che erano lì con lei, per dire loro addio prima di gettarsi sui binari.




SOCCORSI IMMEDIATI MA INUTILI

L’allarme è scattato intorno alle 11. Numerosi i testimoni che avrebbero assistito alla scena, per poi chiamare i soccorsi. Subito sono arrivati sul posto i vigili del fuoco e gli agenti della polizia, che con un carro sollevamenti hanno recuperato il corpo della giovane, rimasto incastrato tra il treno e i binari.

Ma ogni sforzo è stato inutile, così come il tentativo di frenata del macchinista. Troppo gravi le ferite riportate nell’impatto con il treno. Sulla dinamica di quanto accaduto e sul perché di un simile gesto, sarà la stessa polizia a dover fare chiarezza, anche con l’aiuto delle telecamere di videosorveglianza interne alla fermata, che potranno aiutare a ricostruire gli istanti fatali.

DISAGI ALLA CIRCOLAZIONE

Il drammatico episodio ha avuto ripercussioni sull’intera linea A. Per diverse ore il servizio è rimasto sospeso tra le stazioni di Termini e Anagnina, con l’attivazione di navette sostitutive. Pesanti rallentamenti si sono registrati anche in direzione opposta. Nel pomeriggio la situazione pare tuttavia essere tornata alla normalità.

 

DINO CARDARELLI

 

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi