Salute: persi in 15 anni i progressi acquisiti in 40

pixabay.com
0

È stato pubblicato il Rapporto Osserva Salute 2015 inerente alla salute e alla qualità dell’assistenza sanitaria in Italia. Alcuni dati emersi dallo studio sono davvero preoccupanti per il benessere di noi comuni mortali:

  • cala l’aspettativa di vita;
  • l’Italia è fanalino di coda per gli investimenti in prevenzione;
  • si acutizza il divario tra nord e sud;
  • aumentano sempre più gli anziani e gli ultracentenari;
  • si registrano più suicidi.

Aspettativa di vita e prevenzione

Salute: persi in 15 anni i vantaggi acquisiti in 40
pixabay.com

In merito all’aspettativa di vita, il dato più preoccupante è che non sia cresciuta rispetto al 2015 (80,1 anni per gli uomini e 84,7 per le donne  – dati Istat), e che sia addirittura diminuita rispetto al 2014. Legato a tale dato è il discorso della prevenzione e degli screening oncologici, che per mancanza di fondi non riescono più ad attuarsi in modo adeguato e con copertura uniforme sull’interno territorio nazionale.

Basti pensare che l’Italia destina alla prevenzione il 4,1% della spesa sanitaria totale, il che ci colloca agli ultimi posti d’Europa. Precari anche i livelli essenziali di assistenza, con prestazioni che dovrebbero essere garantite a tutti i cittadini ma che, nella realtà dei fatti, non riescono sempre ad applicarsi.

Nel 2015 l’Italia ha speso 1.817 euro pro capite, dato stabile e in linea con l’anno precedente, che però ci colloca tra i Paesi che spendono meno, al pari dell’Est Europa. Inutile dire che altri Paesi non ci vedono neanche: il Canada ha speso ben il 100% in più rispetto a noi, la Germania il 68% e la Finlandia il 35%.
Disparità geografica tra nord e sud

Per offrire un esempio concreto come se già questi numeri non bastassero, dall’indagine si evidenza che i cittadini di Campania e Sicilia hanno un’aspettativa di 4 anni in meno rispetto a coloro che vivono nelle Marche o in Trentino.

La situazione si fa davvero allarmante leggendo quanto dichiarato a Repubblica Walter Ricciardi, direttore dell’Osservatorio nazionale sulla salute nelle regioni italiane nonché presidente dell’Istituto superiore di sanità: “Abbiamo perso in 15 anni i vantaggi acquisiti in quaranta. E se è vero che l’Italia ha uno dei migliori sistemi sanitari al mondo, questo vale però solo per una minoranza di italiani”.
Che di vantaggi ne abbiamo persi tanti lo dimostrano anche i dati sull’incidenza di tumori, con l’aumento dei tumori prevenibili (mammella e polmone per le donne e colon retto per gli uomini).

Vaccinazioni, salute e alimentazione

Altro capitolo critico è quello delle vaccinazioni, in particolare l’antinfluenzale per gli over 65 e quelli da farsi in età pediatrica. Perché sono importanti? Perché gli anziani sono una delle fasce più a rischio complicanze, e l’attuale copertura (49%) è ben lontana da quel 75% considerato il minimo dal Piano nazionale prevenzione vaccinale, in accordo con l’OMS.

Come ha dichiarato ancora Ricciardi:

“Ci sconcerta che uno strumento come quello dei vaccini sia così osteggiato e siamo certi che ci saranno casi di malattie e morti, come purtroppo è già accaduto per il morbillo e la pertosse […] Le malattie che pensavamo scomparse o ridotte ai minimi termini continuano a circolare“.

L’Italia è la patria della dieta mediterranea per eccellenza, ma forse anche questa certessa si sta trasformando in una leggenda metropolitana, visto che continuano a crescere i numeri di sovrappeso e obesità. Qualche numero? Tra sovrappeso e obesità, nel 2015 ben il 46,4% degli italiani non ha mantenuto il suo peso forma. Quasi la metà.

Riflessione

Non investiamo in prevenzione, siamo sempre più malati e meno assistiti, non ci curiamo della ricerca scientifica, non ci preoccupiamo di garantire i vaccini per i nostri bambini, le strutture pubbliche nel guado tra innovazione e tagli alle risorse fondamentali. Lo scenario è critico. Ognuno di noi si sarà trovato a riflettere almeno su uno degli aspetti analizzati, ma avere un malloppo di quasi 600 pagine che non fa altro che confermare e aggiungere dettagli a ciò che già conosci è veramente disarmante.

Cosa fare, dunque?

 

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi