Salvare l’anima della Cina, un villaggio alla volta

La crescita esponenziale della Cina in termini di urbanizzazione ha spostato migliaia di persone dalle aree rurali alle città. In cerca di lavoro o di salari più alti. D’altra parte il governo commissiona nuovi edifici e infrastrutture, in luoghi meno popolati, per cercare di uniformare lo sviluppo.

Molte delle persone che vivono nei villaggi rurali hanno indubbiamente beneficiato di questa enorme transizione. Sono state sollevate dalla povertà e hanno avuto un migliore accesso all’istruzione e all’assistenza sanitaria. Ma il rapido sviluppo e la massiccia migrazione da questi villaggi hanno portato alla perdita dell’architettura tradizionale. Che dura da centinaia di anni.

Tuttavia, nel corso di questi ultimi anni a condurre ricerche su tali villaggi rurali, un’ondata emergente di architetti ha contribuito a rigenerare questi villaggi. E a salvaguardare il patrimonio dei loro edifici per le generazioni future.

Anche il Ministero degli alloggi e dello sviluppo urbano e rurale della Repubblica popolare cinese ha compiuto alcuni sforzi per preservare il patrimonio architettonico agrario della nazione. Infatti, lo scorso 6 giugno 2019, ha pubblicato l’ultima raccolta di una lunga lista di villaggi tradizionali. In totale, 6.819 piccoli insediamenti ora vantano questo titolo. Ognuno dei quali beneficia di un sussidio di tre milioni di Yuan (384915,00€).

Villaggi tradizionali cinesi

L’elenco dei villaggi tradizionali cinesi non è l’unico elenco esistente, in quanto la creazione di registri nazionali di villaggi modello è diventata una caratteristica chiave nelle pratiche domestiche. Ci sono elenchi di villaggi storici e culturali , ecologici , eco-civilizzati, solo per citarne alcuni.

Villaggi-Cina
Foto di Lucas Metz su Unsplash

Infatti, ve ne sono altri 2,5 milioni ordinari e sottosviluppati in cui tale patrimonio si sta perdendo a un ritmo allarmante. Nelle parti remote della Cina rurale, i villaggi sono per lo più abitati da anziani e bambini in età prescolare i cui genitori sono andati a cercare lavoro in città. Con il dissolversi della tradizionale struttura sociale basata sui clan dei villaggi rurali in Cina, gli edifici ancestrali stanno diventando fatiscenti per mancanza di manutenzione. Se non addirittura abbandonati del tutto.

Prima della rapida urbanizzazione della Cina, l’architettura un tempo serviva a legare un villaggio insieme. Costruiti utilizzando materiali locali, gli edifici tradizionali esprimevano caratteristiche locali, riflettevano rituali locali e venivano curati collettivamente dalle famiglie e dalle comunità del villaggio. Queste forme, pratiche e valori sono assenti negli sviluppi moderni, che sono prodotti su scala industriale e progettati per l’efficienza economica.

Il passato ritorna e ha un volto nuovo. 

Negli ultimi anni, tuttavia, una nuova ondata di architetti ha adottato un approccio etico e culturalmente sensibile. Per preservare il patrimonio rurale e offrire un modo più umano e dignitoso di vivere nei villaggi rurali lasciati indietro. Alcuni sono architetti professionisti. Altri sono  architetti emergenti  che  traggono la loro esperienza  dalla lunga tradizione edilizia della Cina pre-moderna. Sostanzialmente dominata dai falegnami, piuttosto che da architetti.

Un esempio può essere trovato a Pingtian. Un comune villaggio controllato dalla contea di Songyang nella provincia di Zhejiang. Qui l’architetto Wei He ha rinnovato una casa abbandonata in un ostello della gioventù. Lavorando all’interno dell’involucro dell’edificio originale, che è fatto di un materiale del suolo compattato chiamato  “terra battuta“.  Wei ha inserito con cura una nuova struttura in legno per creare capsule dormienti semi-private, insieme a una zona lounge e reception.

Il legname è stato acquistato localmente ed è leggero e può essere rimosso o riconfigurato con relativa facilità. Operai locali, inclusi diversi falegnami, sono stati coinvolti nel processo. Inoltre,  hanno aiutato gli architetti del sito a risolvere i problemi tecnici utilizzando il know-how locale.




Più a nord nella provincia di Zhejiang, non lontano dalla città di Hangzhou, sorge Jianshan. Un villaggio nella contea di Anji. Qui. Weizhong Ren crea nuovi edifici per il suo villaggio, unendo consapevolmente i ruoli di designer, costruttore e utente. Dal 2005, Ren ha creato edifici in terra battuta soprannominati “eco-lodge“. Conservano il layout e la tecnica di costruzione tradizionali locali, pur acquistando materiali localmente e in modo sostenibile.

La sua idea è che la familiarità e il comfort degli edifici in terra battuta tipici della zona aiutano gli abitanti del villaggio a sentire che la nuova architettura è un’estensione del loro patrimonio. Piuttosto che un’imposizione su di essa. Altri architetti in tutta la Cina rurale persistono con costruzioni in legno e mattoni in forme localmente familiari.

Verso un ambiente rurale socialista, bello ed ecologico

Negli ultimi anni, i discorsi che promuovono il miglioramento e lo sviluppo di villaggi sono diventati un tema ricorrente in tutto il mondo. Pur essendo certamente parte di un fenomeno globale, l’esperienza in Cina presenta caratteristiche uniche.

L’attenzione ai piccoli insediamenti cinesi ha motivazioni complesse. Da un lato c’è il desiderio di sviluppo economico rurale e il miglioramento dei mezzi di sussistenza delle persone; d’altra parte, c’è il desiderio di riconoscere e promuovere la cultura cinese e di invertire il degrado ambientale. Tutte queste priorità rispondono a strategie nazionali e globali.

Negli ultimi 40 anni di riforme e di apertura, le città costiere hanno realizzato il loro radicale processo di sviluppo e modernizzazione. Espandendo l’economia nazionale ma anche aumentando le disparità. All’inizio degli anni 2000, il malcontento dovuto alle crescenti disparità tra le aree rurali e urbane ha attirato l’attenzione del governo.

Una svolta decisiva è stata il 2002. Con il cambio di leadership da Jiang Zemin a Hu Jintao. Per la prima volta, al 16 ° Congresso Nazionale del Partito Comunista Cinese (PCC), è stato dichiarato che la campagna era la chiave per raggiungere l’obiettivo nazionale. Una società moderatamente prospera. E che lo sviluppo socio-economico avrebbe dovuto essere integrato aree urbane e rurali simili .

Da allora, lo sguardo della nazione ha progressivamente affrontato quelle che sono state conosciute collettivamente come le tre questioni rurali. Agricoltura, villaggi e agricoltori. Lo sviluppo sbilanciato e inadeguato è stato definito come la nuova contraddizione nazionale da risolvere. Quindi un chiaro obiettivo è stato fissato. Risanare entro il 2020 tutti gli abitanti delle aree rurali che vivono al di sotto dell’attuale soglia di povertà.

Il modello di sviluppo cinese: l’urbanizzazione è l’unica via per la modernizzazione.

Il modello di sviluppo cinese è strettamente legato al processo di urbanizzazione e la legge afferma chiaramente che l’urbanizzazione è l’unica via per la modernizzazione . Pertanto, il problema dello sviluppo delle aree rurali e marginali è una questione di urbanizzazione della campagna.  Principalmente terreno montuoso.

Quindi, gli strumenti proposti per affrontare lo squilibrio si riferiscono inevitabilmente a criteri di pianificazione urbana. Sono state definite misure di pianificazione territoriale dove  inizialmente l’approccio ha imposto modelli quantitativi urbani standard. Ma col tempo si è progressivamente trasformato in una prospettiva territoriale più olistica, in cui le risorse culturali e naturali contribuiscono a garantire una qualità di sviluppo superiore.

Allo stesso tempo, sotto la guida del presidente Xi Jinping, il ruolo della cultura in Cina è cresciuto a un ritmo paragonabile solo al suo sviluppo economico. La cultura è ritenuta cruciale per educare la popolazione e ottenere prestigio internazionale per adattarsi alla posizione finanziaria già indiscussa del paese. Pertanto, la narrazione ufficiale afferma la continuità di un glorioso passato, sottolineando la rilevanza globale della civiltà millenaria cinese.

In effetti, la campagna cinese ha avuto un ruolo cruciale nella storia del paese, che è stato un impero agricolo per millenni. Incredibili resti di questo passato segnano ancora la terra: insediamenti rurali, terrazzamenti agricoli, vecchie rotte postali e commerciali e opere idrauliche.

I villaggi che sono sfuggiti a ideologie radicali e processi di modernizzazione conservano un patrimonio culturale che è una risorsa preziosa per la Bella Cina promossa oggi dagli slogan nazionali. Ciò è particolarmente vero per i villaggi remoti  che sono rimasti marginali rispetto alle inversioni e alle trasformazioni storiche. Di solito i più poveri in un sistema di mercato.

Civiltà ecologica 

Un ulteriore pezzo per completare questo quadro complesso ma affascinante sono le preoccupazioni ambientali abbracciate dal governo. Questa nuova questione si è già materializzata in un corpus coerente di misure tra cui l’istituzione del nuovo Ministero dell’ecologia e dell’ambiente. Politiche per la protezione degli ecosistemi, tasse ambientali e ingenti investimenti nelle energie rinnovabili.

Dal 2012, quando l’espressione Civiltà ecologica è stata pronunciata ufficialmente per la prima volta, è diventata sempre più importante nel discorso nazionale. Ed è ora il principale quadro ideologico delle politiche ambientali cinesi contemporanee. Nonché il più significativo avviato dallo Stato cinese immaginario del nostro futuro globale.

Oggi, il ruolo critico svolto dai villaggi, dalle piccole città e dalle loro vaste aree circostanti è riconosciuto come controparte complementare delle città in crescita. La Cina sta ora sviluppando i propri metodi di rivitalizzazione rurale. Attraverso investimenti nelle economie rurali come fornitori di servizi ambientali di qualità e tempo libero. Tutte queste politiche convergono su piccoli insediamenti e aree marginali: sviluppo economico rurale, soft power culturale e orizzonte di una civiltà ecologica .

La conservazione e la rigenerazione dei villaggi rurali cinesi aiuta a sostenere non solo il patrimonio costruito, ma anche la connessione tra la comunità e il suo ambiente. Gli architetti contemporanei – che siano professionalmente formati o meno – affrontano molte sfide tecniche per rigenerare i villaggi in decomposizione.

Ma ciò che conta davvero è preservare lo spazio per i ricordi e le tradizioni delle persone. Soprattutto in un momento in cui quasi i due terzi dei 900 milioni di residenti rurali in Cina si stanno trasferendo in città in rapida espansione in tutto il paese.

 

Felicia Bruscino

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *