Salvini e Meloni contro Immuni, a differenza di Facebook non porta voti

Se oggi tutti i possessori di smartphone in Italia avessero installato sul proprio dispositivo l’App Immuni probabilmente nemmeno dovremmo preoccuparci troppo del rischio di futuri focolai, lockdown, chiusure, tragedie.
Perché di ogni singolo caso positivo sapremmo immediatamente, con un click, con quali altri dispositivi è stato in contatto per un periodo di tempo e a una distanza “rischiosi”.
E queste persone potrebbero essere immediatamente informate, messe in allerta, salvate. Loro e i loro cari. Le loro comunità. E il tutto in totale autonomia.
Però no, non possiamo affrontare i prossimi mesi con un briciolo di serenità in più, con un arma in più.

Perché a Salvini e Meloni, che vivono e lucrano voti su Facebook, su Instagram, perfino sulla cinese Tik-Tok, in questi luoghi dove i dati di tutti vengono presi da chiunque, hanno detto agli italiani di non scaricare Immuni.

Perché? “Perché se no ti rubano i dati. Perché se no il governo ti spia”.
Salvini e Meloni sanno di mentire, non spiegano come, chi e cosa.
E non potrebbero spiegarlo, visto che il protocollo di Immuni si basa su tecnologia Bluetooth e non GPS, visto che i dati restano sui dispositivi, visto che i dispositivi sono identificati con codici e visto che il sistema si basa su un protocollo che non permette l’identificazione.
Loro non dimostrano in alcun modo come sarebbe possibile violare i dati (per farne cosa poi, boh).
A Salvini e Meloni serve solo diffondere tra i propri elettori paura, odio e diffidenza verso il governo. Anche se a pagare il prezzo di questo loro modo irresponsabile di raccattare consenso sarà il Paese, con costi umani ed economici spaventosi.
Così a distanza di 5 mesi dalla sua introduzione solo 6,6 milioni di persone hanno scaricato Immuni. Lontani da quella copertura che ci farebbe vivere un po’ più sereni e che salverebbe vite ed economie.
Ma lo sappiamo, per loro vengono prima le poltrone, poi il Paese.
E pazienza se il costo sarà spaventoso.
Ogni mezzo è utile allo scopo quando quando puoi permetterlo grazie a un elettorato che preferisce rischiare la propria vita piuttosto che farsi qualche domanda.

Emilio Mola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *