Scambiare Rihanna per la figlia della Kyenge è un grosso problema (e danneggia i grillini)

0

Il 28 febbraio 2017 un tal Antonio pubblica la seguente immagine ottenendo oltre 6 mila condivisioni Facebook:

Testo dell’immagine: “Lei è Rita Anna Kyenge, figlia di Cecile Kyenge. Ieri è stata nominata dirigente al Ministero dell’integrazione. Stipendio 15.000 € al mese. Nessun TG lo ha detto!!!”

Testo del post: “Figli di p…”

Ora, qualunque persona capace di intendere e di volere controllerebbe per un secondo la foto e comprenderebbe che la donna ritratta è la nota cantante americana Rihanna, ma evidentemente qualcuno non ci riesce a causa della propria convinzione. Ecco un esempio:

Antonio:“Ma che strana coincidenza !!???”

Gianmarco:poverina doveva pur fare qualcosa, hai visto che look? TOTO? DICEVA E IO PAGO!!!!!!!!!”

Lo stesso Antonio, il giorno dopo, pubblica un ulteriore post per prenderne le distanze:

Se credete alle menzogne dei gramellini zucconi faziofabio litizzetto e al 90% di tvgiornaliradio spazzatura allora potete credere anche a queste bufale….

Che si tratti di un tentativo di “correggere” la figuraccia per averla condivisa? Che si tratti dell’ennesimo tentativo di “esperimento sociale”?

Chiunque abbia avuto modo di comprendere la bufala ha descritto in malomodo il signor Antonio, soprattutto da parte di coloro che hanno controllato il suo profilo in cui risulta un evidente attivismo pentastellato (Movimento 5 Stelle). Potete immaginare i commentini del tipo “è un grillino”, “grullino credulone” e tante altre definizioni.

Il profilo di Antonio.

 

Non è stata una mossa molto intelligente da parte sua, soprattutto perché rafforza le credenze e dicerie nei confronti degli attivisti del medesimo movimento.

Un fatto è certo, ossia che l’immagine riporta il watermark della pagina Facebook “Condividi se sei Honesto” che prende palesemente in giro i “grillini”, pubblicata il 25 febbraio 2017 ottenendo appena 257 condivisioni. Si, c’è voluto un “grillino” per renderla virale.

 

 

David Puente 

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi