Creato un nuovo sensore impiantabile alimentato dal glucosio del corpo

Funziona tramite lo zucchero e può monitorare i segnali biologici del corpo per rilevare, prevenire e diagnosticare malattie

Basandosi sul glucosio corporeo non ha bisogno di batterie

Su Ha e Subhanshu Gupta con il sensore alimentato a glucosio (credito: Washington State University)
0

Un sensore impiantabile nel corpo umano alimentato a biocarburanti e che funziona con gli zuccheri derivanti dal corpo umano.

La nuova scoperta arriva da un gruppo di ricerca  guidato da Subhanshu Gupta, professore di Ingegneria Elettrica e Informatica alla Washington State University

 

Caratteristiche uniche del sensore

Caratteristica fondamentale di questo sensore è il suo basso consumo. Si parla di un consumo di pochi microwatt di potenza. Inoltre, secondo gli stessi ricercatori, è “estremamente sensibile” e più efficiente dei tradizionali dispositivi alimentati a batteria. Il sensore basandosi sul glucosio corporeo, non ha bisogno di batterie e quindi può essere alimentato in maniera indefinitaQuesto punto risulta estremamente importante poichè lo differenzia da quelli già presenti in commercio, i quali devono essere ricaricati o indossati sulla pelle e non incorporati. Inotre, a differenza delle batterie agli ioni di litio presenti nei comuni sensori, la nuova cella di biocarburanti è priva di tossicità, caratteristica fondamentale affinché un oggetto possa essere impiantato nel corpo. Infatti, questa tecnologia innovativa sfrutta lo zucchero prodotto appena sotto la pelle.

I ricercatori sono concordi nell’affermare che questo sensore renderebbe superflua la necessità di pungere un dito per testare determinate malattie come il diabete. Rilevando i segnali biologici del corpo potrebbe essere utilizzato come mezzo per monitorare, diagnosticare e prevenire malattie.




Funzionamento del sensore

Il professore Gupta spiega il funzionamento di questo sensore con le seguenti parole:

“Il corpo umano trasporta molto combustibile nei suoi fluidi corporei attraverso la glicemia o il lattato intorno alla pelle e alla bocca. Di conseguenza l’uso di una cella di biocarburanti, estremamente sensibile e priva di tossicità, apre la porta all’utilizzo del corpo come potenziale carburante”.


Il lavoro svolto da questo gruppo di ricercatori di recente è stato pubblicato sulla rivista IEEE Transactions on Circuits and Systems  ed è stato finanziato dal WSU Grand Challenges.

Maria Di Naro

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi