Sesto San Giovanni, 15enne precipita in un condotto di aerazione di un centro commerciale e muore

Quella di arrampicarsi sulle vette di edifici molto alti sarebbe la nuova moda che incalza tra i giovanissimi in cerca di like.

0

Sesto San Giovanni- Un ragazzo di soli 15 anni ha perso la vita (nella notte tra sabato 15 e domenica 16 settembre) probabilmente per una bravata. Insieme ad un gruppo di amici, aveva illecitamente raggiunto il tetto del noto centro commerciale Sarca, in via Milanese. Le prime indiscrezioni raccontano che i giovani avessero intenzione di raggiungere la vetta per scattarsi un selfie. Ma, una volta che le guardie di sicurezza, si sono accorte della presenza di persone in un luogo vietato e pericoloso, i ragazzi hanno cercato di scappare.

Uno di loro si è arrampicato sul condotto di aerazione ma ha perso la presa ed è, secondo le prime ricostruzioni, scivolato dentro il cunicolo, compiendo un volo rovinoso di oltre 20 metri. Troppe le ferite riportate e a nulla sono serviti i tentativi dei medici dell’ospedale Niguarda, dove è stato condotto, per salvarlo.




Una delle difficoltà durante i soccorsi è stata anche quella di recuperare il ragazzo all’interno del cunicolo. C’è voluto l’intervento del Saf (nucleo Speleo-alpino-fluviale) dei vigili del fuoco. I professionisti sono riusciti ad estrarre il 15enne quando oramai aveva già perso conoscenza.

La nuova moda dei selfie sui tetti

È del 18 agosto l’ultimo episodio giunto alle cronache che, fortunatamente non ha visto alcuna vittima. Un gruppo di ragazzi, anche in questo caso per farsi foto, video e pubblicarli sui social, si era arrampicato in cima allo stadio Meazza di Milano.

Dalla cima di san Siro, dopo essersi arrampicati su strutture d’acciaio molto pericolose, si sono scattati la foto simbolo della loro bravata, con i piedi a penzoloni nel vuoto.

L’episodio risale a maggio. Secondo le testimonianze delle persone del quartiere di San Siro, non sarebbe la prima volta.

Quella di arrampicarsi sui tetti e ‘scalare’ strutture, spesso pericolose e vietate, pare essere diventata una moda per gli adolescenti.

Marta Migliardi

 




Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi