Siamo nel 2020 e Marco “È un bravo educatore, ma è un finocchio.”

Lorenzo Tosa
0

“È un bravo educatore, ma è un finocchio.”

Ecco cosa si è sentito dire Marco. Lui che l’educatore lo fa di mestiere, che ha studiato per diventarlo, che ha dimostrato sul campo di saperlo fare, nel settore più delicato, sottovalutato e sottopagato di tutti: quello tra gli 0 e i 3 anni.

Per la quasi totalità dei genitori e dei nonni, Marco è uno bravo, preparato, affidabile.
Eppure c’è qualcuno per cui questo mestiere “non fa per lui”. Non perché non sia capace, tutt’altro, ma perché – tenetevi forte – Marco è omosessuale.

Sempre quella stessa frase agghiacciante che ritorna.

“Sarà anche bravo. Ma un lavoro così non lo può fare. È contronatura.”

Con-tro-na-tu-ra. Ecco cosa si è sentito dire.

Dopo quattro anni densi di soddisfazioni, Marco ha deciso di prendersi una pausa per laurearsi e perfezionarsi ancora.
Ma, prima, ha voluto dare una risposta bella ed emozionante a tutti quelli che, nel 2020, mostruosamente credono che un omosessuale non possa occuparsi di bambini (“figuriamoci fare il genitore…”) e che l’orientamento sessuale di una persona sia un criterio di valutazione professionale. Sia un criterio di valutazione punto.

“Se un omosessuale non può fare l’educatore di nido perché “contronatura” (cit.) – ha scritto – allora ditemi, essere eterosessuale è la condizione base per trattare bene i bimbi? Ogni eterosessuale diventerà sicuramente un buon educatore o genitore?
Essere omosessuale non significa essere un pedofilo, un maniaco, un manipolatore di menti o altro… significa solo una cosa: portarsi sulle spalle l’ignoranza altrui, quell’alone di stupidità che se non si ha forza a sufficienza finisce per ridurci ai minimi termini…
No, non permetto a nessuno di mettere in dubbio la mia professionalità e l’amore per i bimbi e per le loro famiglie, non permetto a nessuno di continuare a portare avanti questa campagna d’odio che riduce la mia persona ad un’etichetta che eclissa tutto quello che di buono faccio ogni giorno… “è un bravo educatore ma è FINOCCHIO”…
Io sarò anche “finocchio” ma fortunatamente la gente sopra questo dettaglio sorvola e vede molto altro in me ”.

Che risposta enorme.
Che lezione, Marco.
Un essere umano.

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi