Sidewalk Labs abbandona il progetto IDEA District

Sidewalk Labs, divisione di sviluppo urbano intelligente di Alphabet, società madre di Google, ha deciso di annullare il progetto per il quartiere di Toronto. L’ambizioso piano per trasformare una fetta del lungomare del Lago Ontario  in un’utopia ad alta tecnologia.

Da un lato, la Greater Toronto Area, un’area urbana di circa 6000 km² e 7 milioni di abitanti. Dall’altro, il lago Ontario, un enorme specchio d’acqua, uno dei cinque grandi laghi del Nord America. Tra questi due giganti, in un campo di appena 4,8 ettari, Sidewalk Labs  aveva in programma di creare un piccolo posto per sé. Ovvero, proprio in questa zona portuale in disuso, prevedeva di lanciare la costruzione della sua prima città intelligente“.  Un ambiente futuristico pieno di soluzioni digitali.

Due anni di impegno della comunità sono culminati in un piano generale di 1.524 pagine, pubblicato lo scorso giugno. Quayside, questo  il nome del quartiere, rappresenta uno dei progetti più interessanti di tecnologia applicata all’urbanistica. Un’area da riqualificare in base a parametri tecnologici che migliorerebbero la qualità della vita. E che fungerebbero da “parco giochi” per l’esplorazione di soluzioni ad alto impatto.

Purtroppo però, quets’ambizioso sogno di creare una città del futuro a Toronto è finito. Milioni di dollari e anni di attività di lobbying non sono bastati. L’unità di pianificazione urbana del gigante della tecnologia, Sidewalk Labs, ha chiuso il progetto lo scorso 7 maggio.

Ufficialmente, è stata “l’incertezza economica senza precedenti” , in particolare “nel mercato immobiliare di Toronto” , che ha concluso l’avventura. Dan Doctoroff, CEO di Sidewalk Labs ha spiegato che era ormai troppo difficile realizzare un progetto economicamente valido senza sacrificare le parti essenziali nella costruzione di una comunità inclusiva e sostenibile. Perché sì, il distretto voleva essere ecologico oltre ad essere all’avanguardia della tecnologia: priorità per i pedoni, edifici eco-responsabili, ecc.

Ma già prima che il virus si diffondesse nel mondo, i propositi di Sidewalk erano stati ridimensionati in modo significativo. Sebbene il piano prevedesse una “crescita inclusiva” e un approccio pratico ai dati, Sidewalk Labs ha affrontato critiche sul fatto che stesse costruendo uno stato di sorveglianza privatizzato. Motivo per cui, fin dalla sua istituzione, il progetto era stato “opposto” da attivisti progressisti preoccupati di come la società avrebbe raccolto e protetto i dati e chi li avrebbe posseduti.

Acquisizione di dati per creare valore

Per meglio capire come il piano di sviluppo si sia trasformato in una gigantesca macchina per la raccolta di dati, occorre tornare alla sua genesi. Nell’ottobre 2017, Sidewalk Labs vinse il bando di gara per lo sviluppo di Quayside. L’iniziativa era stata lanciata da Waterfront Toronto, ente pubblico incaricato di “rivitalizzare le coste della città “. Segnate dal loro passato industriale.  Tuttavia, la tecnologia e le aziende che i laboratori di Sidewalk hanno incubato restano preziose.

La pianificazione di Sidewalk Labs offre l’implementazione di un’organizzazione dinamica della strada e della mobilità con, tra l’altro, un sistema di gestione del traffico in tempo reale. Difficile per una città resistere a una tale gamma di servizi.

Le pagine del documento – MIDP (Master Innovation and Development Plan) – scritto da Sidewalk Labs includono alcune importanti sorprese. Inizialmente il progetto prevedeva l’edificazione di due quartieri: Quayside e Villiers West.  Insieme avrebbero formato il cosiddetto IDEA District  (Innovative Development and Economic Acceleration). Inoltre non si limitava più agli ettari previsti molto probabilmente si sarebbe esteso oltre i 77 ettari.

Ma, a preoccupare maggiormente Waterfront Toronto e i cittadini non è l’appetito dell’azienda per la terra.  In realtà il MIDP introduce due nuovi concetti sui dati: “dati urbani ” e “fiducia dei dati “. Il primo include tutti i dati raccolti nell’ambiente urbano. Sfuma la distinzione tra dati protetti, come dati personali e non protetti, come quelli sulla qualità dell’aria, sul rumore, ecc. Per quanto riguarda la fiducia dei dati , è una sorta di nuovo organo con potere sull’uso dei dati, tuttavia esistono già leggi che ne disciplinano la raccolta e l’uso.




Google è arrivato a posizionarsi come sviluppatore urbano. Ha bisogno di dati. Cosicché crea i concetti di dati urbani e fiducia dei dati per regolarli. Ma questi concetti non hanno una base legale, al che si blocca. E questo è l’anello emblematico del nuovo dibattito che guida lo sviluppo di città intelligenti. Uno sviluppo che non ruota più attorno alle tecnologie, bensì ai dati e al loro utilizzo. Si passa, quindi,  dalla città ottimizzata alla città monitorata.

Secondo alcuni specialisti in pianificazione urbana, il problema dello sviluppo di città intelligenti è dovuto a una relazione squilibrata tra l’attore pubblico (la città) e l’attore privato (la società).  Il caso di Toronto è quello di una partnership tra un comune con pochi mezzi e una società ben dotata di risorse e competenze finanziarie. La chiave è il contratto.

 La città deve stabilire un contratto che anticipi le sue esigenze e permette di non dipendere da un partner privato o di essere in grado di separarsi da esso. Ma ha bisogno di risorse legali significative. Il problema con Google è quello di acquisire dati per creare valore perché è la più grande piattaforma pubblicitaria. Ma Toronto non ha accettato. Quando la governance è forte le città non si lasciano andare.

Reinventare le città per il futuro

 Nel suo piano, Sidewalk ha promesso un complesso di tecnologia sperimentale  che avrebbe potuto cambiare il modo di vivere degli esseri umani e l’uso dello spazio pubblico. Il progetto si basa su un design di quartiere sostenibile, con una connessione permanente e lo spazio per 5 aree residenziali. Occupati da “Googler” e professionisti del settore.  Parte della costruzione di questa “città utopica” ha comportato la sperimentazione di sviluppare modelli su larga scala. In modo da poter misurare gli standard di vita delle persone su più variabili. Oltre a cercare efficienti modi per ridurre i gas e promuovere le energie rinnovabili.

La sua implementazione avrebbe consentito di rendere Toronto centro mondiale per l’innovazione urbana. Tra benessere, sviluppo sostenibile, tecnologie avanzate e crescita economica. Il completamento era  previsto entro il 2022. Comunque, sebbene il progetto non sarà realizzato, le idee sviluppate attorno ad esso contribuiranno considerevolmente alla lotta contro i principali problemi urbani.

Tra la serie di innovazioni, Sidewalk Labs proponeva una visione – a partire da Quayside – progettata per realizzare e massimizzare ambiziosi obiettivi di qualità della vita. Integrando le innovazioni nello sviluppo fisico. Tra cui, un sistema di trasporto che riduce la necessità di possedere un’auto fornendo opzioni sicure, convenienti, connesse e convenienti per ogni viaggio. Edifici sostenibili che possono essere costruiti e adattati molto più rapidamente e supportano un vivace mix di usi.

La sospensione di questo progetto suggerisce il crescente divario nelle città tra ambizioni private e capacità pubblica di sostenerle. Inoltre, solleva interrogativi sul movimento delle “città intelligenti” , che cercano di integrare strumenti tecnologici all’avanguardia con una governance democratica. E, paradossalmente, la sua fine arriva quando la raccolta e la sorveglianza dei dati sono visti come strumenti chiave per rallentare la diffusione del virus.

 

Felicia Bruscino

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *