Al Mercato del Rione Trionfale a Roma un modello di riciclo fai-da-te

L'idea di Silvia Cavaniglia si chiama Nonsonorifiuti, e permette di guadagnare riciclando

Un banco del mercato Trionfale consente di vendere flaconi di detersivo, tappi di plastica, olii esausti e molto altro in cambio di piccole somme di denaro, che possono essere incassate o date in beneficenza.

Fonte Foto: https://www.repubblica.it/
0

La start-up di Silvia Cavaniglia consente di fare riciclo fai-da-te, vendendo rifiuti con i quali verranno realizzati nuovi materiali.

Sembra quasi un’utopia quella di vendere i rifiuti in maniera consapevole a Roma, la città balzata alle cronache per il degrado urbano in cui versa ormai da anni. E forse proprio malgrado abbia preso vita in un quadro di abbrutimento generale la start-up di Silvia Cavaniglia è ancor più lodevole: al suo Box 95, nel mercato Trionfale, è possibile vendere i propri rifiuti (previa pulizia), che verranno compattati e poi rivenduti alle aziende in grado di produrre nuova materia dagli scarti.

Il Box 95 di Silvia Cavaniglia al Mercato Trionfale

Un piccolo esempio di riciclo fai-da-te è nato all’interno del Mercato Trionfale di Roma, a pochi passi da Metro Ottaviano e da San Pietro, dove una 46enne con alle spalle oltre 13 anni di servizio in una cooperativa satellite dell’Ama, ha dato il via a un progetto ambizioso quanto lodevole.

Al Box 95 si possono portare bottiglie di plastica, pentole vecchie, giornali, vecchi barattoli, caffettiere – che verranno poi selezionati, imballati e venduti alle aziende che si occupano di dare una nuova vita ai rifiuti (dall’olio esausto ad esempio si ricava il biodiesel. Oppure dalla plastica e dalla carta si possono ricavare nuovi oggetti).



Il recupero delle materie prime, oltre a consentire di eliminare i rifiuti in maniera intelligente e costruttiva e di non inquinare, avrebbe dato modo alla start-up di autosostenersi dal 2014 a oggi e di dare vita a nuovi box con lo stesso progetto sempre nei mercati rionali di Roma.

Nonsonorifiuti.it e il riciclo intelligente

“Un modo per creare ricchezza per tutti e non inquinare”, ha spiegato Silvia Cavaniglia in un’intervista a La Repubblica. Il sito della sua start-up Nonsonorifiuti.it conta più di 4.300 iscritti,  e il progetto è stato accolto a braccia aperte da molti assidui frequentatori del Mercato Trionfale. A La Repubblica Silvia ha raccontato:

 “C’è chi lo fa per guadagnare qualche soldino e chi perché così è sicuro che i rifiuti non vengano buttati in discarica, né nell’inceneritore, né tanto meno in mare.”

Il progetto di Silvia Cavaniglia consente a chi porta i rifiuti di aprire un proprio “conto” privato, dove di volta in volta verranno accreditati i soldi della vendita dei rifiuti.  Guadagnata una piccola somma si può decidere se incassarla o fare un bonifico ad alcune associazioni no profit (come Croce Rossa, Lega arcobaleno, Emergency, ecc.) e soprattutto è una soluzione che nel suo piccolo cerca di offrire un’alternativa valida e costruttiva all’annoso problema dei rifiuti a Roma.

Alice Antonucci

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi