“Sleepers” di Barry Levinson compie 20 anni

Dalla parte di chi lotta per essere riconosciuto, dell'essere umano e dei suoi diritti.
Contribuisci a preservare la libera informazione.

DONA

“Sleepers” significa letteralmente “dormienti”, ed indica i ragazzi dei riformatori con un avvenire da delinquenti. Il film del 1996, diretto da Barry Levinson, quest’anno compie 20 anni.

Sleepers
“Sleepers”, il film di Barry Levinson, compie 20 anni

Il film ha un cast stellare: Robert De Niro, Brad Pitt, Kevin Bacon, Minnie Driver, Vittorio Gassman ed altri ancora. Guardando il film, si fatica a scindere l’attore dal personaggio, tanta è la dedizione con cui il cast si è impegnato a recitare in questo dramma, un tipico legal crime americano.

“Sleepers” parla di vendetta (infatti vi sono diversi riferimenti a “Il conte di Montecristo” di Dumas), e di come un singolo istante può cambiare per sempre la vita di una persona. Shakes, Michael, John e Tommy sono quattro ragazzini amici per la pelle che vivono nel quartiere malfamato di Hell’s Kitchen a New York. Siamo nella torrida estate del 1967, e i quattro amici decidono di rubare un carretto di hot dog. Sfortunatamente, il carretto sfugge loro di mano, e quasi uccide un uomo. I ragazzini sono condannati ad un anno di riformatorio, da scontare presso il Wilkinson.

Qui i quattro amici subiscono abusi fisici e sessuali dalle guardie, e l’accaduto segnerà per sempre le loro vite. La prima parte del film ci mostra la vita dei quattro ragazzini, non particolarmente rose e fiori, che peggiora notevolmente in riformatorio. La seconda parte vede Shakes e gli altri, ormai adulti, alle prese con un piano di vendetta, ispirati dal celebre romanzo di Dumas, amato da Michael e Shakes. Ad aiutare i quattro uomini, una rete di solidarietà che si estende per tutto il quartiere di Hell’s Kitchen: Padre Bobby, interpretato magistralmente da De Niro, King Benny, e il fratello di uno dei ragazzi detenuti nel riformatorio Wilkinson, ucciso dalle guardie, desideroso anch’esso di vendetta.

“Sleepers” è stato ampiamente denigrato dai critici cinematografici, soprattutto perché Lorenzo Carcaterra, autore del romanzo da cui è stato tratto il film, sosteneva che i fatti narrati dal libro non fossero frutto di fantasia. In realtà, sussistono ancora dubbi circa la veridicità della storia.

“Sleepers” non parla solo di vendetta, ma anche di valori quali coraggio e amicizia. A 20 anni dalla sua uscita, il film fa ancora discutere la critica: è una storia vera? Qualunque sia la verità, questo capolavoro è ancora molto amato dagli appassionati di cinema.

Stampa questo articolo