Sparatoria a Los Angeles

Paura a Hollywood in un supermercato

A Hollywood un teenager prende in ostaggio una ventina di persone dentro un market. Si arrende dopo ore. Muore una ragazza.

0

Un teenager, dopo una sparatoria con la polizia, si è barricato dentro un supermercato tenendo in ostaggio una ventina di persone, alcune fonti parlano anche di 40. Nella sparatoria a Los Angeles sarebbe rimasta vittima una ragazza.

La vicenda

Il giovane afroamericano era in fuga dopo aver sparato alcuni colpi contro la nonna e la fidanzata in seguito probabilmente a una lite familiare. Entrambe ferite, la nonna in condizioni critiche.

Non si tratta quindi di un atto di terrorismo.

Il ragazzo sarebbe poi fuggito a bordo di un‘auto inseguito dalla polizia. La fuga sarebbe terminata a Silver Lake davanti a un Traders Joe‘s, nota catena di supermarket in America.

La sparatoria

Dopo una piccola sparatoria con gli agenti di polizia, il teenager si sarebbe barricato dentro il market con una ventina di ostaggi.

I vigili del fuoco hanno tratto in salvo alcuni dipendenti e clienti del supermercato dalle finestre dell‘edificio.
Dopo circa tre ore di trattative il ragazzo, ferito a un braccio durante la sparatoria, si sarebbe arreso e ammanettato da solo.

Tutti gli ostaggi sono stati salvati, ma una ragazza è rimasta uccisa da un colpo di pistola nella sparatoria a Los Angeles.

Si è scatenato il panico con numerose auto della polizia e dei pompieri sul posto.

Don Kohles era fuori dal negozio quando ha visto il ragazzo schiantarsi con l‘auto contro un palo e ha poi sentito due spari di arma da fuoco.

“I proiettili volavano ovunque e gli spari hanno distrutto le porte di vetro” ha raccontato l‘uomo al Los Angeles Times.

Devin Field ha visto tutta la scena:  “Stavo camminando quando una macchina, scappando dalla polizia, si è schiantata contro un lampione di fronte all’ingresso, Gunman è uscito e ha iniziato a sparare alla polizia, mi sono nascosto dietro un muro di contenimento con tre poliziotti finché non mi hanno fatto uscire“.

La vicenda ha preoccupato anche il presidente Donald Trump che ha twittato per restare aggiornato sulla situazione.

Ora la polizia sta indagando per capire il motivo che ha spinto il giovane a compiere questo folle gesto.

Valentina Bruzzo

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Continuando a navigare sul sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi