La storia della band detta Ministri!

www.radiobombay.it
0
www.radiobombay.it
www.radiobombay.it

I Ministri si sono formati a Milano nell’ormai non più vicinissimo 2003. Sono un complesso italiano il quale suona generalmente Alternative Rock.

Tre ragazzi: Federico Dragogna, Davide Auteliano (soprannominato “Divi”) e Michele Esposito (conosciutisi al liceo) formano il gruppo nel 2003 chiamando anche Emiliano Eva alla tastiera. I quattro inizialmente erano i Ministro del Tempo.

Il tastierista lascia il progetto dopo veramente poco e ritornano ad essere i tre amici iniziali (Federico – testi, chitarra e cori; Davide – voce e basso; Michele – batteria) ad esibirsi e partecipare a concorsi vari per circa tre anni.

Trovano un accordo con la Otorecords per la quale (cambiando il nome in Ministri) incidono il loro primo album (I soldi sono finiti).

L’album è pubblicato a novembre 2006 e vi partecipa anche la Maninalto! Records. Tra le curiosità che riguardo tale album ci stanno i fatti che su ogni copertina v’è inserita una moneta da un Euro (provocazione verso i consumatori di musica che non comprano più la stessa non finanziando case discografiche ed artisti, pirateria che ha fatto nascere una crisi discografica che ai tempi era già in atto) ed inoltre nel booklet è possibile trovare la nota Spese della produzione dell’album.

Il cd ha goduto (grazie alla seconda casa discografica citata) di una distribuzione ampia della Venus ed ha avuto un impatto forte nella scena indie italiana, le loro canzoni per loro varie caratteristiche (come strumentalità decisa e voci versatili, oppure i loro testi spesso politicamente scorretti) l’hanno portati a esibirsi in tutta Italia da quando è uscito il disco Dalle feste di paese fino all’Italia Wave 2007. 

Nell’anno 2008 avviene la loro collaborazione con Caparezza, infatti collaborano con il pugliese per la canzone Ulisse (You Listen) appartenente all’album: Le dimensioni del mio caos.

Lo stesso anno incidono La piazza EP, il quale verrà pubblicato sotto l’etichetta Universal esattamente il 6 giugno 2008. In questo l’EP i testi rimangono sempre pungenti e gli strumenti diventano più melodici e meno distorti. Da esso viene inoltre estratto un video: Diritto al tetto, il quale (diretto da Davide Fois) viene trasmesso su MTV e All Music (sempre nel periodo d’uscita dell’EP).

Sempre nel 2008, più precisamente quando l’estate stava giungendo al termine, esce su MySpace appartenente alla band stessa il video de La piazza. Diretto da Danxzen già noto per un’altra band: Amari.

E’il 6 febbraio 2009 quando esce il loro album Tempi bui, dal quale vennero tratti sia una clip che un singolo; seguendo il detto singolo ne uscì un altro: Bevo, loro secondo singolo uscito a inizio estate (sempre 2009) e che vanta ben due versioni di video musicale. Alla fine della stessa estate pubblicano La faccia di Briatore, loro terzo singolo seguito poi dal quarto ad ottobre con E se poi si spegne tutto.

Il gruppo nel frattempo (dall’uscita di Tempi bui a settembre) suonava per l’Italia intera, ed addirittura il 31 agosto aprirono ad Udine il concerto dei Coldplay.

Metà ottobre 2009, pubblicano la ristampa de I soldi sono finiti, il cd per via della importante occasione, conterrà un pezzo delle loro storiche giacche fatte in mille pezzi. Così inizia il 31 ottobre il loro tour: In mille pezzi Tour, serie di concerti in cui si sono esibiti con le nuove giacche, dopo questo tour c’è stato il: Niente di buono sul fronte occidentale Tour. Sempre nel 2009 si aggiunge al gruppo un componente live: F Punto.

12 ottobre 2010, esce il loro terzo album Fuori, debutta alla 15ma posizione della classifica ufficiale denominata FIMI riguardante gli album più venduti nella regione Umbria. Il primo singolo dell’album è stato reso disponibile su Youtube il 10 settembre Il sole (è importante che non ci sia) mentre il video de Gli alberi venne pubblicato il 20 settembre sulle reti musicali più importanti. In seguito saran pubblicati i videoclip di Noi fuori e Tutta roba nostra.

Esce pubblicata da Universal una terza ristampa de I soldi sono finiti, la quale comprenderà anche tre canzoni importate dall’EP: La piazza EP (giugno 2011). Lo stesso anno collaborano con gli Zen Circus eseguendo i cori della canzone L’amorale (dal disco Nati per subire).

Il 18 novembre iniziano il Non finisce così Tour, e in questo suoneranno l’inedito Rinasceremo ovunque. Contemporaneamente o quasi, Federico Dragogna produce l’album di debutto (Double Soul) del gruppo Iori’s Eyes. E nel 2012 si sono esibiti perfino in Ungheria allo Sziget Festival.

Il 12 marzo 2013 esce il quarto album: Per un passato migliore pubblicato su licenza Warner Music da Godzillamarket e sempre a marzo inizia il tour. Inoltre il primo singolo Comunque era già stato diffuso nel gennaio 2013 grazie al videoclip. Ad aprile viene diffuso il videoclip del secondo singolo: Spingere.

Partecipano al Concerto del Primo Maggio in Piazza San Giovanni a Roma, nell’edizione 2013 dell’evento.

A luglio 2013 fan parte del progetto Hai paura del buio? portato avanti dal gruppo Afterhours, questo è un festival mobile a cui prendono parte tra le più disparate personalità del mondo dell’arte (da musicisti a scrittori e ballerini).

Dopo il tour Il passato promette bene, il sopracitato collaboratore live F Punto lascia la composizione del complesso. Sempre nel 2013 Dragogna collabora nell’album Costellazioni con Le luci della centrale elettrica.

Nel 2014 i Ministri partecipano alla riedizione dell’album degli Afterhours: Hai paura del buio? (Che prende o dà il nome al festival dell’anno prima), vi partecipano rifacendo la canzone Sui giovani d’oggi ci scatarro su.

A gennaio 2014 annunciano il piccolo tour europeo il quale si è tenuto nell’aprile 2014 ed ha compreso Castione, Amsterdam, Bruxelles, Londra, Parigi e Berlino.

Iniziando da gennaio 2015 la band comincia ad informare su Facebook di un loro futuro album. In seguito diranno che lo stesso verrà prodotto da una collaborazione con Gordon Raphael e che addirittura sarà inciso in uno studio del Funkhaus (storicamente la sede della radio della Germania dell’est). Dal 3 giugno dello stesso anno tramite Spotify e poi anche Youtube, si può ascoltare Balla quello che c’è, inedito che anticipa il loro quinto album uscito poi il 18 settembre 2015.

L’album in questione è Cultura Generale, il quale è stato un poco anticipato da Estate povera e Idioti. Da ottobre 2015 portano avanti un tour proprio in nome dell’album: Cultura Generale Tour perlappunto, in cui si aggiunge il collaboratore live Marco Ulcigrai sempre e comunque de Il Triangolo.

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi