Svezia, cresce l’intolleranza culturale nelle scuole

Dalla parte di chi lotta per essere riconosciuto, dell'essere umano e dei suoi diritti.
Contribuisci a preservare la libera informazione.

DONA

Un episodio scioccante e traumatico è avvenuto in Malmö , Svezia. Una professoressa ha aggredito verbalmente delle studentesse Hijabiste durante la lezione. Le autorità svedesi affermano che l’insegnante è stato sospeso e che è stata avviata un’indagine.

L’educazione sessuale è un tabù nell’Islam? O è che la degenerazione in Svezia non conosce limiti? Un insegnante del corso Svenska för Invandrare (svedese per immigrati, SFI) a Malmö ha attaccato verbalmente i suoi studenti, deridendo la loro riluttanza a pronunciare il nome dei genitali maschili in svedese. Un videoclip, ampiamente diffuso dal 10 marzo scorso, mostra un’insegnante di mezza età che urla istericamente contro gli studenti musulmani che indossano principalmente l’hijab.

La rabbia dell’insegnante è stata apparentemente innescata dall’incapacità o dalla timidezza della studentessa di nominare i genitali maschili in svedese. Durante il video, che è stato filmato da uno degli studenti, si può sentire l’insegnante dire: “Da quanto tempo vivi in ​​Svezia? Non conosci il significato della parola?” “Cos’ha un uomo? Come si chiama? Dillo!” mentre colpisce la scrivania dello studente con il palmo della mano.

Ad un certo punto, un’altra studentessa si alza e chiede se può lasciare la classe. “Ho paura, voglio andarmene”, si sente dire lo studente. L’insegnante dirige quindi la sua rabbia verso l’altro studente e si rifiuta di permetterle di lasciare la classe prima di chiudere a chiave la porta. Le autorità svedesi hanno immediatamente aperto un’indagine sull’incidente.

Insegnante sotto inchiesta, messa in aspettativa

Il video ha suscitato indignazione sui social media, la scuola che ha ricevuto in gran numero e-mail dalla comunità musulmana, chiedendo il licenziamento dell’insegnante e le scuse ufficiali della scuola. Diverse persone hanno anche sporto denuncia contro l’insegnante per molestie.

Anche le autorità svedesi hanno avviato un’indagine sull’incidente. “Ogni discriminazione e violazione contro gli studenti sono vietate secondo la legge svedese”

Come tutti gli altri, sono rimasto scioccato e sconvolto da ciò che ho visto“, ha dichiarato all’emittente statale svedese Andreas Eriksson, il preside di SFI a Malmö. “Questo non è qualcosa a cui siamo abituati.” L’insegnante è stata messo in congedo per malattia e sostituita da un supplente. Inoltre, la scuola ha offerto consulenza agli studenti.

La discriminazione svedese che non osa pronunciare il suo nome. Fino a quando la Svezia non affronterà onestamente la discriminazione, i dibattiti sull’integrazione rimarranno superficiali.

Poche cose danneggiano l’immagine di sé nazionale, generando allo stesso tempo appassionate difese del bene nazionale, come accuse di discriminazione strutturale.

Mentre il razzismo, il sessismo e la xenofobia a livello individuale sono spesso spiegati come fallimenti personali o “eccezioni che confermano la regola”, l’evidenza di una discriminazione chiara e sostenuta all’interno delle istituzioni sociali pubbliche e private suggerisce un’accettazione più ampia e profonda del bigottismo. Non si può rinunciare ad alcune mele marce casuali che rovinano il barile nazionale.

La questione della discriminazione strutturale in Svezia è da tempo oggetto di acceso dibattito. Esperti e politici conservatori, così come un gran numero di utenti dei social media, hanno negato l’esistenza di una discriminazione strutturale in Svezia. Ogni paese ha razzisti, hanno sostenuto, ma il suggerimento che la Svezia fosse, ed è, qualcosa di diverso da una meritocrazia in gran parte daltonica è semplicemente errato.




Felicia Bruscino 

Stampa questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.