Un inedito Camus esorta i medici della peste alla filosofia

Le pagine di un inedito Camus, messe a disposizione il 13 maggio gratuitamente da Bompiani, alimentano questa riflessione sollevando interrogativi resi urgenti dalla pandemia. Come si prepara, ammesso che possa, un operatore sanitario ad affrontare la morte di chi sta curando? Quale ruolo riveste la compassione, soprattutto quando gli altri strumenti vengono meno? Fino a che punto la filosofia, intesa come educazione e disciplina del pensiero, può essere uno strumento efficace al servizio del medico?