Al Macro una grande Mostra internazionale del tatuaggio: Tattoo Forever

Fonte: artemagazine.it
0

E’ stata inaugurata al Macro di Roma, una grande mostra internazionale del tatuaggio chiamata Tattoo Forever. La mostra sarà ospitata negli spazi de La Pelanda2 e la Factory del Macro. Organizzata da C.O.R. Creare Organizzare Realizzare in collaborazione conRoma Capitale Dipartimento Attività Culturali e Turismo, sarà in programma fino al 24 luglio e vedrà come testimonial Asia Argento. La mostra vuole rendere omaggio al Tattoo come forma d’arte, celebrando la sua storia dall’antichità ad oggi.

Tattoo Forever
Fonte: artemagazine.it

Tattoo Forever, si configura come la prima grande mostra internazionale del tatuaggio e nasce anche come un tributo alla mostra del 1985 voluta da Renato Nicolini ai Mercati Traianei, dal titolo L’Asino e la zebra, origini e tendenze del tatuaggio contemporaneo. Non a caso, la mostra del 2016 vuole sottolineare le origini antiche del tatuaggio come arte dei popoli di migliaia di anni fa, da cui ne ha acquisito la simbologia.

La mostra intraprende un viaggio globale nella storia e nella cultura del tatuaggio dividendosi in una serie di sette sezioni a partire da quella storica in cui, prendendo spunto dalla mostra di trent’anni prima ai mercati traianei, vuole sottolineare come il tatuaggio sia antico e moderno, intriso di spiritualità e dall’anima sia popolare che sofisticata.

La seconda sezione è dedicata alla fotografia e raccoglie gli scatti del fotografo Michael Laukien in cui sono ritratti personaggi appartenenti a tribù antiche e moderne, sottolineando il carattere filosofico e spirituale del tatuaggio. LA terza sezione è dedicata agli artisti contemporanei: la titolazione non è casuale ma indica ancora una volta che il tattoo è un’arte e chi lo crea un’artista del nostro tempo. Ed ecco una carrellata di opere dei più grandi artisti del Tattoo sia italiano che internazionale come Stefano Alcantara, Joe Capobianco o Antonio Proietti.

Le sezioni successive sono altrettanto interessanti in quanto testimoniano come il tatuaggio permei la cultura contemporanea a vari livelli. Dopo la sezione dedicata alla Cheyenne Tattoo Artist Gallery, in cui vengono mostrate le immagini dell’azienda tedesca leader mondiale nella produzione delle macchinette del tatuaggio, vi è una sezione dedicata agli artisti emergenti italiani. IL tattoo infatti entra in accademia: vengono infatti esposti lavori degli allievi di Ars Estetica, accademia che dal 1990 si occupa della bellezza e della body art. La volontà è chiara: rendere il tattoo un’arte figurativa al pari delle altre, che richiede la formazione tecnica di chi vuole praticarla come requisito imprescindibile.

Le ultime due sezioni Tattoo for Peace e Tattoo Couture mettono in evidenza l’arte del tattoo nella cultura contemporanea, da un lato infatti, vengono mostrate le opere di fumettisti legati al mondo del tatuaggio, dall’altro invece, le creazioni di importanti stilisti,  i quali racconteranno attraverso la loro creatività e i virtuosismi delle loro tecniche, dal ricamo alla pittura, il legame che unisce due mondi, quello della Moda e quello del Tatuaggio.

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi