Telecamere negli asili e case di cura: arriva l’obbligo

Approvato un emendamento al decreto “Sblocca cantieri”. Salvini: «L’avevamo promesso»

0

Telecamere negli asili e nelle case di cura: scatta l’obbligo.

Potranno essere installate apparecchiature di videosorveglianza nelle case di riposo e nelle aule delle scuole dell’infanzia. Le commissioni Lavori pubblici e Ambiente del Senato hanno infatti approvato un emendamento bipartisan al decreto sblocca-cantieri, firmato da Lega, M5s, Pd e Forza Italia.

L’installazione dei sistemi di videosorveglianza a circuito chiuso riguarderà tutte le scuole dell’infanzia, sia statali che paritarie. L’emendamento prevede la creazione di un fondo per finanziare l’installazione delle telecamere. L’obiettivo è quello di assicurare, in particolare, a tutti gli ospiti delle strutture coinvolte una “più ampia tutela”.

Il piano

È prevista una dotazione di 5 milioni per il 2019 e 15 milioni per ciascuno degli anni dal 2020 al 2024, che serviranno ai Comuni per installare telecamere negli asili e apparecchiature finalizzate alla conservazione delle immagini. Altrettanti ne verranno stanziati per fornire gli stessi strumenti anche alle strutture socio-sanitarie e socio-assistenziali per disabili e anziani.




Esultano Salvini e Forza Italia

«Telecamere per difendere bimbi, anziani e disabili, altra promessa mantenuta» ha commentato il vicepremier e leader della Lega, Matteo Salvini.

Per il ministro per la Famiglia e le Disabilità, con delega alla tutela minori, Lorenzo Fontana, «si tratta di una misura utile e importante per la tutela dei minori e delle persone più fragili. Ringrazio i senatori, per la sensibilità e lo spirito costruttivo dimostrati – ha commentato – D’altra parte è un bel segnale che su temi così importanti ci sia trasversalità e convergenza dei partiti dei diversi schieramenti».

«Il via libera ai fondi per l’installazione di telecamere nelle scuole per l’infanzia e nelle strutture socio assistenziali per anziani e disabili dà ragione alla battaglia che Forza Italia porta avanti da tempo. Il fatto che questo obiettivo sia condiviso in maniera trasversale è motivo di grande soddisfazione.»

 

Così la deputata di Forza Italia, nonché promotrice della legge sulla videosorveglianza, Annagrazia Calabria.

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi