Tempo per vivere: un dialogo tra Seneca e Pepe Mujica

Dalla parte di chi lotta per essere riconosciuto, dell'essere umano e dei suoi diritti.
Contribuisci a preservare la libera informazione.

DONA

Per paradosso, la società del benessere sembra pervasa da vissuti di disagio e sofferenza. Ciò è legato al fatto che molto spesso manca il tempo per coltivare le proprie passioni e le relazioni con gli altri. Manca, cioè, il tempo per vivere. Se davvero vogliamo essere felici, però, come insegnano Seneca e Pepe Mujica, dobbiamo esercitare la nostra libertà per trovare e preservare questo tempo.

Un coloratissimo murales ritrae un bambino intento a osservare una coppia che, su una panchina, ha trovato il tempo per vivere.
Possiamo essere felici, come emerge dal dialogo tra Seneca e Pepe Mujica, solo quando troviamo il tempo per coltivare le nostre passioni e le relazioni con gli altri. Cioè, quando troviamo il tempo per vivere.

 

Quale felicità, senza il tempo per vivere?

Che cos’è la felicità? Secondo il filosofo greco Aristotele, è il fine della nostra vita. Essa si realizza esercitando le nostre facoltà al meglio, in un contesto favorevole e in relazione con gli altri. Sulla carta, questo modello di felicità sembra condivisibile e realizzabile anche nella nostra epoca. Ma allora perché ogni giorno sperimentiamo come vissuti di ansia e sofferenza sembrino accomunare la maggioranza delle persone indipendentemente dall’età, dalla professione, dal percorso esistenziale? Questo malessere diffuso trova voce in un’espressione che ricorre più spesso delle altre: “non ho tempo di/per”. Responsabile del nostro disagio sembra soprattutto la sensazione di non avere abbastanza tempo né per noi stessi, né per chi è importante per noi. Si potrebbe addirittura dire: di non avere tempo per vivere. Del resto, mille impegni e doveri ci incalzano da ogni parte. Come possiamo affrontarli senza che fagocitino completamente la nostra vita?

Seneca: “Riprendi in mano te stesso

Il problema è antico. Preoccupava, non per primo, il filosofo Seneca già nel I secolo d.C. Secondo Seneca, la vita in sé non è breve: siamo noi a renderla breve impiegandola male. Infatti, chiarisce in una famosa lettera al giovane amico Lucilio, gran parte della vita ci vede impegnati in cose non davvero essenziali per noi. E mentre rimandiamo ciò che conta realmente, il nostro tempo si consuma. Per evitare questo si può solo seguire il consiglio da lui rivolto a Lucilio:

riprendi in mano te stesso.

Cosa significa? Per Seneca, ci si “riprende in mano” con la riflessione, diventando più consapevoli del proprio tempo. Anzitutto, accettando che questo è limitato ed esposto a innumerevoli imprevisti. Comprenderlo ci consente di uscire dalla cruenta rincorsa al fare tutto. E, soprattutto, ci aiuta a smettere di rimandare ciò che per noi è davvero importante.

L’attualità del messaggio di Seneca

Seneca ci mette di fronte al nostro limite e ci spinge a scegliere. “Poiché non avrai mai abbastanza tempo per tutto”, ci dice, “dovrai scegliere cosa conta di più. Dovrai rinunciare a qualcosa, talvolta, ma sarà una tua libera scelta. Perché saprai che il tempo che non puoi dedicare a questo non ti è sfuggito, ti è servito per qualcosa di importante per te”. Ma quali sono le cose davvero importanti? (Per il parere di uno sciamano, qui trovi l’intervista a Luis Calle)

L’infinita ricchezza del “presidente povero”

Nel presentarsi agli studenti dell’Università di Ferrara per una conferenza nel 2016, José Alberto Mujica Cordano, noto come “Pepe” Mujica, raccontava:

dicono di me che sono stato un presidente povero. Ma io non sono povero, sono sobrio. Ho imparato a vivere con il necessario, per avere tempo libero da dedicare alle cose che mi commuovono.

Guerrigliero ai tempi della dittatura, Mujica è stato presidente dell’Uruguay dal 2010 al 2015. Durante questo periodo ha devoluto circa il 90% del proprio appannaggio ai bisognosi, vivendo con uno stipendio pari a quello dei connazionali più poveri. L’ex presidente nel suo intervento getta una luce diversa sul concetto di povertà, affermando che davvero povero è chi non ha affetti e relazioni umane. Sono queste, secondo Mujica, l’autentica ricchezza della vita.

 “Non fatevi rubare la vita!”

Rivolgendosi ai giovani, Mujica li mette in guardia:

mi raccomando: non fatevi rubare la vita!

Con ciò si riferisce al fatto che la società dei consumi genera falsi bisogni cui si risponde con l’acquisto compulsivo di beni superflui. Atomizzati e prosciugati, gli individui cercano nelle merci ciò che manca loro umanamente. Queste merci, però, non si pagano solo in denaro, bensì col tempo della vita speso a guadagnarlo. È questa la trappola della società contemporanea che “ruba la vita”. Mujica invita i giovani all’esercizio di quella libertà che preserva il tempo per vivere le proprie passioni e le relazioni con gli altri.

Poveri, ricchi, felici

Seneca e Pepe Mujica condividono una convinzione già espressa dal filosofo greco Epicuro nel III secolo a.C.:

povero non è chi ha poco, ma chi brama di più.

Dal loro dialogo emerge forte e chiaro un invito: quello a non vivere da poveri di questa povertà. Ovvero, a non consumare la vita trascurando la nostra felicità o negandocela per qualcosa di umanamente irrilevante. La possibilità di essere felici, ci insegnano, va costruita e preservata nel tempo con un esercizio costante di libertà. Quello di trovare, di giorno in giorno, il tempo per vivere.

Valeria Meazza

Stampa questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.