Thelma Fardin denuncia per stupro Leandro del Mondo di Patty

Thelma Fardin, Giusy nella telenovela “Il mondo di Patty”, confessa di essere stata violentata dal collega Juan Darthés nel 2009, durante una tournée promozionale.

Fonte immagine fanpage.it
0

Era il 2008 quando su Disney Channel andava in onda la telenovela argentina Il mondo di Patty, e tutte le ragazzine seguivano con il fiato sospeso la commovente storia di una ragazzina bionda con grossi occhiali e treccine che incontrava per la prima volta il suo papà, Leandro Dìaz Rivarola, interpretato da Juan Darthés.

Proprio ieri, dieci anni dopo, la ventiseienne Thelma Fardin, attrice del Mondo di Patty (interpretava Giusy Beltram, la migliore amica di Patty) e della fortunata serie Disney Soy Luna, ha accusato Darthés di averla stuprata nel 2009, quando il cast del Mondo di Patty era in viaggio in una tournée promozionale in Nicaragua. All’epoca la ragazza aveva solo sedici anni, contro i quarantacinque di Darthés, unico adulto presente in quella tournée.

In un video, pubblicato su internet dalla stessa Fardin, la giovane, in lacrime, ha raccontato della violenza subita, senza omettere dettagli scabrosi:

Una notte cominciò a baciarmi sul collo. Io gli dissi di no. Mi prese la mano e mi costrinse a toccarlo. Mi disse “Guarda che cosa mi fai” e mi fece sentire la sua erezione. Io continuai a dirgli di no. Mi buttò sul letto e mi costrinse a subire un rapporto orale. Cercai di allontanarlo, ricordandogli che i suoi figli avevano la mia età, ma non ci fu nulla da fare. Salì sopra di me e mi penetrò.

Il video termina con la frase Mira como nos ponemos, corrispettivo argentino di #Metoo. Infatti, prima della Fardin, Darthés era stato accusato di molestie da altre tre attrici. Una di queste, Calu Rivero, aveva recitato anche nel Mondo di Patty; qui interpretava Emma, una compagna di scuola di Patty un po’ viziata e snob. Rivero scelse di abbandonare la serie proprio a causa del comportamento inappropriato di Darthés, il quale sul set accentuava baci e contatti fisici.

In un breve post su Twitter, Darthés si difende dalle accuse che gli sono state rivolte e ringrazia il suo avvocato per averlo ascoltato. Egli spera che la verità faccia il suo corso, ma una cosa è certa. Qualunque sia la verità, dopo questa storia, nessuno riuscirà più ad ascoltare Yo te quiero, yo te espero e a non rabbrividire.

 

Marialuisa Sorge

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi