Torino, insegnante colpisce alunno con una bottiglia

Il padre, avvisato dal figlio, ha deciso di denunciare il professore

Fonte: youtube.com
0

Insegnante denunciato a Torino

Un professore delle medie è stato denunciato dalla famiglia di un suo alunno di 11 anni. Secondo quanto raccontato dal ragazzo,l’insegnante di educazione fisica per rimproverarlo lo avrebbe colpito con una bottiglia contente ghiaccio. Il colpo gli ha procurato la frattura della mano destra.




Chiamato dal ragazzo, il padre lo ha portato al pronto soccorso. Qui i medici hanno riscontrato all’undicenne una frattura del quinto metacarpo della mano destra: la prognosi è di 25 giorni. Al momento i carabinieri di Torino stanno indagando sull’episodio per chiarirne le modalità.  L’insegnante avrebbe avuto in seguito anche una discussione accesa con il padre dell’alunno.

La reazione del padre

Qualunque sia stato il comportamento di mio figlio non si reagisce così” ha affermato il padre dell’allievo. “Mio figlio mi ha chiamato dicendo che lo stavano picchiando: ho pensavo fossero dei compagni ma arrivato a scuola ho capito che si trattava del professore. Non si fa così, i bambini non si toccano, ora mio figlio ha il braccio ingessato. Dopo aver parlato con la preside della scuola ho denunciato il docente“.

Violenza sempre più presente a scuola

La violenza sembra ormai essere entrata a far parte della scuola italiana. Talvota i bullizzati possono essere gli stessi docenti. È diventato purtroppo celebre l’episodio del cestino lanciato in testa alla professoressa, così come celebre è diventato l’autore del fatto (con tanto di invito nello studio di Barbara D’Urso). A Caserta addirittura una docente è stata accoltellata. A Piacenza un’altra insegnante tre giorni fa è stata picchiata da un ragazzino delle medie ed ha riportato una prognosi di sette giorni.

Spesso la violenza non arriva da chi è presente in aula, ma da esterni, ossia i genitori: solo un mese fa a Siracusa un professore è stato preso a calci e pugni da due genitori fino a riportare la rottura di una costola. Solo perché aveva “osato” rimproverare il loro figlio.

La scuola dovrebbe essere lo specchio della società. Una tale e frequente violenza non dovrebbe essere tollerata.

Camilla Gaggero

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Continuando a navigare sul sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi