La Torre di Pisa: 600 anni di terremoti…e non sentirli!

Svelato il mistero del famoso monumento

Un gruppo di ingegneri e scienziati ha scoperto che l’elemento che ha mantenuto in piedi la Torre di Pisa è lo stesso che ne ha causato l’inclinazione.

0

Terremoti e duecento anni di disavventure costruttive: eppure, la Torre pendente di Pisa ha continuato a resistere. Le nuove ricerche di un team europeo di ingegneri fanno luce sul perché: l’inclinazione caratteristica della torre è il risultato di un’interazione tra le sue fondamenta e il terreno troppo morbido in cui si trova. Eppure, quella stessa interazione l’ha anche salvata nelle situazioni più pericolose.

Una storia di terremoti

Un certo numero di terremoti ha colpito la regione di Pisa negli anni da quando la costruzione della Torre iniziò nel 1173. I terremoti storici sono un po’ più difficili da tracciare di quelli moderni; ma lo storico Romano Camassi ha trovato che il record del numero di terremoti in Italia risale all’Impero Romano. Poiché il paese si trova su più linee di faglia, i terremoti hanno giocato un ruolo importante nella sua storia. Tuttavia, nessuno di essi ha causato la caduta della Torre pendente. Nemmeno i quattro principali eventi sismici citati in un comunicato stampa dell’Università di Bristol su questa nuova ricerca.

Ha detto in sala stampa l’ingegnere civile George Mylonkanis:

“Ironia della sorte, lo stesso terreno che ha causato l’instabilità pendente e ha portato la Torre sull’orlo del collasso, può essere accreditato per averlo aiutato a sopravvivere a questi eventi sismici.”




Una torre tenace

Mylonkanis è uno dei due membri non italiani di una squadra di sedici persone, diretta da Camillo Nuti dell’Università Tre di Roma.

Secondo il comunicato stampa, il team ha condotto un completo studio di indagine. Queste le conclusioni: altezza e rigidità della torre, e morbidezza del terreno indicano che, quando un terremoto colpisce, non vibra allo stesso modo di tutto il resto.

Questo è solo il più recente studio sul famoso monumento di Pisa. Negli ultimi 30 anni, la Torre è stata sottoposta a un esame approfondito. Fu chiusa nel 1990 perché si stava inclinando troppo drasticamente. E gli interventi ingegneristici furono necessari per riportarlo al suo angolo caratteristico di 0,54 gradi (pur garantendo che non cadesse).

Un mondo di torri pendenti

Nuti è stato autore di due recenti studi sulla torre e sui terremoti. Nel 2016, uno studio pubblicato su Advances in Civil and Infrastructure Engineering ha concluso: il monitoraggio della Torre mediante sensori potrebbe fornire un modello su come tenere sotto controllo gli edifici storici in generale. La regione che include Pisa presenta diverse altre torri pendenti, ed esempi si possono trovare anche in Inghilterra. L’articolo concludeva che una nuova analisi della relazione tra la Torre e il terreno che la circonda è necessaria per capire meglio perché la struttura stia in piedi.

Tutto questo potrebbe sembrare un elemento tecnico, ma queste torri sono state tutte costruite per contenere le campane della chiesa. Quindi, come tali hanno un valore storico e servono come caratteristiche locali. Studiare la torre più inclinata di tutti, e uno dei principali simboli del nostro Belpaese, offre una panoramica su come preservarla. E, naturalmente, come preservarne le…entrate turistiche!

Roberto Bovolenta

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Continuando a navigare sul sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi