Vittoria in Cina: primo trapianto di testa riuscito

Fonte: vocidicittà.it
2

Il trapianto di testa sembrava, fino a non troppo tempo fa, un’operazione irrealizzabile, quasi disumana, ma seppur eseguito su un cadavere, il team dell’università di Harbin, guidato dal chirurgo cinese Xiaoping Ren, è riuscito nell’impresa. Ad annunciare il successo in conferenza stampa a Vienna è stato il neurochirurgo italiano Sergio Canavero, il quale ha fatto parte dell’equipe.

trapianto di testa
Fonte: matersida.com

Senza andare troppo nello specifico, l’intervento consiste nell’espiantare la colonna vertebrale insieme alla testa, per poi riconnetterla sul corpo di un donatore, il quale dopo settimane di coma farmacologico per la rigenerazione dei nervi, riuscirebbe a muoversi e spostarsi. Il primo tentativo di questa operazione fu eseguito su 9 topi, e riscontrando esito positivo, fu poi eseguito anche sui cani, l’anno scorso sui primati, ed ora si può parlare anche di un caso umano, seppur non in vita. Il prossimo step è il trapianto di testa sul corpo di un donatore in morte cerebrale, e sembrerebbe esserci perfino già un volontario: Valery Spiridonov, 31enne russo, è affetto dalla sindrome di Werdnig-Hoffman che porta alla paralisi completa.

Tuttavia, questo evento è stato accolto con molto entusiasmo quanto con molte critiche, soprattutto sul piano morale: potrebbero ad esempio sorgere problemi sociali, quale quello della paternità nel caso in cui il ricevente del corpo dovesse essere in grado di procreare. Gli spermatozoi porterebbero infatti il corredo genetico del donatore e non quello del paziente sottoposto al trapianto.

Inoltre noi esseri umani abbiamo caratteristiche emozionali molto più complesse rispetto agli animali, il paziente continuerà a sentirsi se stesso dopo l’intervento chirurgico oppure no?




Sul piano scientifico invece, molti medici hanno presentato numerose e svariate motivazioni per le quali sono scettici sulla buona riuscita dell’intervento e inoltre fanno presente la mancanza di dettagli: i cadaveri hanno subito prima asportazioni di organi? Sono stati utilizzati sistemi di supporto?

La questione è profondamente complessa, ciò nonostante, per quanto ironicamente si possano fare paragoni col dottor Frankenstein, è importante pensare che per le persone il cui corpo è stato danneggiato in modo irrimediabile, sarebbe un’enorme ancora di salvezza.

Roberta Rosaci

2 Comments
  1. Pirla says

    Il falso titolo di quest’articolo è pura disinformazione. Siete la vergogna del giornalismo on-line, specialmente il tizio che scrive articoli e mette titoli del genere. Minchia sta notizia gira ormai da un po’ di anni e voi vi svegliate adesso?

    1. Roberta Rosaci says

      Se questa è pura disinformazione, tu sei puramente disinformato, e non a causa di Ultima Voce. Giustamente, se leggi in modo distratto e ti fermi al titolo non potrai mai sapere che tutti i casi precedenti hanno riguardato gli animali, e soltanto pochi giorni fa, dopo parecchi annunci, il trapianto è stato eseguito per la prima volta su un corpo umano, benché dopo la morte. Le critiche devono essere costruttive, non poste con arroganza, quindi ti invito semplicemente a rivalutare le tue credenze, non è mai troppo tardi.

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi