Trascorrere agosto in città: la R-estate anticonformista

Ma chi resta in città in agosto?

0

Agosto è il mese delle ferie obbligate per molti, del caldo soffocante quasi ovunque, delle spiagge trasformate in ‘pipinare’. Alcune di esse sono addirittura diventate il palcoscenico di comizi ancor prima dell’inizio della prossima campagna elettorale.

Ma chi resta in città?

Dove vai ad agosto? Come trascorri le ferie? Sono domande consuetudinarie alle quali si sente solitamente rispondere con mete più o meno lontane, più o meno sofisticate o costose, a seconda generalmente del livello di reddito dell’interlocutore.

Se alla domanda rispondete con “Trascorro agosto in città!”, sentirete brividi di compassione passare lungo la schiena già pronta all’abbronzatura del vostro curioso di turno. “Mi dispiace”, “E cosa farete?”, “La città vuota, certo, ha il suo fascino”, “Che caldo farà”, “Ma sì, le mete turistiche in agosto sono care e piene di gente, fate bene”. In tal caso, l’esemplare ‘r-estate’ annuirà silenziosamente, oppure elencherà i benefici che la città svuotata offre, della convenienza di prendere le ferie in autunno, dei mille e fantasiosi modi per godere della città quando questa smette di pulsare.




Agosto in cittàMa chi resta?

Banalmente, restano in città coloro i quali non possono prendersi le ferie, restano quelli che non possono permettersi le vacanze chissà dove, restano gli anticonformisti ché le ferie se le prendono in autunno, resta chi continua a lavorare. Restano a popolare le città i ceti popolari, restano popolate le case popolari, restano vivi i quartieri della periferia popolare. Restano aperti i negozi dei cinesi: se la saracinesca è abbassata il negozio non è cinese.

Agosto in cittàSe vi incamminate nei quartieri cosiddetti multietnici delle vostre città, non vi sentirete mai soli. La classe dirigente è in vacanza, solo una piccola parte del ceto medio o gli impiegati del turismo museale restano a ‘vigilare’ su una città nelle mani dei ceti popolari, dei quartieri multietnici. Se vi fosse davvero la tanto paventata invasione, di cui parla il nostro Ministro degli Interni spiaggiato, costoro avrebbero già occupato le poltrone vuote in agosto, assediato i palazzi abbandonati a cuocere al sole, trasformato la città nel mostro ingannevole che macina voti. L’invasione non esiste e costoro restano ad aspettare coloro che son partiti. Se r-estate o meno in città non importa, ma quando tornate non votate Lega.

Giulia Galdelli

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi