Trovata una balena spia russa: portava un’imbracatura per videoregistrazioni

In Norvegia è stato avvistato un beluga con addosso un'imbracatura utilizzata in genere per supportare apparecchi di video-registrazione. Si tratterebbe di una spia russa.

1

Nelle gelide acque della Norvegia, potrebbe essere stata trovata una “balena spia russa”. Alcuni pescatori hanno avvistato dalla loro barca un beluga con addosso una strana imbracatura utilizzata in genere per supportare materiale di video-registrazione. I biologi norvegesi ipotizzano che il cetaceo possa essere stato addestrato dalla marina russa per effettuare attività di spionaggio.

Il coinvolgimento dei russi

Secondo le testimonianze dei pescatori, il beluga avrebbe tenuto un comportamento insolito: si avvicinava senza problemi, si strofinava contro la barca dei pescatori e seguiva le imbarcazioni con estrema curiosità. Questo comportamento ha fatto quindi pensare che la balena bianca fosse abituata al contatto con gli esseri umani. Non ha nemmeno opposto la minima resistenza quando il pescatore Joar Hesten si è tuffato in acqua e ha tolto la sua imbracatura. Secondo gli esperti, questa imbracatura sembrerebbe proprio un supporto per action camere o armi. Inoltre, all’interno del rivestimento, c’era la scritta: “Dotazione di San Pietroburgo“. È stata quindi davvero trovata una balena spia inviata dai russi?




Le “spie del mare”

Il professore Audun Rikardsen del dipartimento di biologia marina e artica dell’Università Artica della Norvegia (UIT) ha contattato i ricercatori russi, i quali hanno negato qualsiasi loro coinvolgimento con l’imbracatura trovata addosso al cetaceo. I ricercatori hanno spiegato che molto probabilmente si tratterebbe della Marina Russa situata a Murmansk, nella penisola di Kola nel lontano nord-ovest della Russia.

Dagli anni ’80, i russi addestrano animali per insegnare loro attività di spionaggio. Gli animali preferiti dai militari russi sono i delfini, per via della loro spiccata intelligenza e la vista nitida. Queste spie del mare vengono utilizzate per rintracciare le armi, custodire entrate navali e, se necessario, uccidere gli estranei.

Secondo i ricercatori, il beluga, con la sua “poco professionalità” e la sua forte sensibilità al freddo, (a differenza dei delfini e delle foche) non sarebbe un animale adatto per questo genere di attività.

Giulia Danielli

Source La Repubblica Tg24.Sky
1 Comment
  1. Anonimo says

    Guarda sti russi che ci vogliono rubare le tecniche di pesca, che stupidi sti qua, gli e lo dobbiamo mandare per iscritto che le basi militari, e non solo, usano sonar anti cetacei proprio per questi casi.
    Ma magari era un nuovo Youtuber “emergente” e con questo gli abbiamo dato notorietà mondiale, lo spero proprio.

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi