Umidità delle mascherine, in che modo riduce la gravità da COVID-19?

Una recente ricerca pubblicata dal National Institutes of Health mette in luce l’importanza dell’umidita delle mascherine per prevenire la Covid-19.

La funzione delle mascherine

Le maschere fungono da barriera per aiutare a proteggere le persone che le indossano dall’ottenere o diffondere SARS-CoV-2, il virus che causa la COVID-19. Il virus si diffonde principalmente da persona a persona attraverso goccioline respiratorie. Queste goccioline viaggiano in aria quando tossiscono, starnutiscono o parlano. Le maschere sono una semplice barriera per aiutare a bloccare le goccioline respiratorie. Gli studi dimostrano che le maschere riducono il rilascio di goccioline quando indossate sopra il naso e la bocca.

Protezione anche per gli ammalati

La ricerca suggerisce che indossare una maschera facciale può anche ridurre la gravità della COVID-19 se un individuo è infetto. È possibile che l’umidità delle mascherine, creata all’interno della mascherina stessa, possa svolgere un ruolo. Questo perché l’umidità è un fattore essenziale nel processo che cancella le particelle inalate dai polmoni.

La ricerca sull’umidità delle mascherine

Joseph Courtney e Adriaan Bax del National Institute of Diabetes and Digestive and Kidney Diseases (NIDDK) del National Institutes of Health hanno condotto uno studio per confrontare il modo in cui le diverse maschere facciali hanno influenzato l’umidità dell’aria inalato. I risultati sono stati pubblicati il 12 febbraio 2021 sul Biophysical Journal.

Gli scienziati hanno testato quattro tipi comuni di maschere.




Una maschera N95, una maschera chirurgica monouso a tre ply, una maschera in poliestere di cotone a due ply e una pesante maschera di cotone.

Un volontario ha indossato ogni maschera per almeno 10 minuti prima che fossero effettuate le misurazioni. I ricercatori hanno quindi misurato il livello di umidità quando respirano in una scatola d’acciaio sigillata. Il viso del volontario è stato montato saldamente contro la scatola usando gommapiuma ad alta densità. Le misurazioni dell’umidità sono state effettuate a tre diverse temperature dell’aria.

I risultati dello studio sull’umidità delle mascherine

Le maschere assorbono gran parte del vapore acqueo che viene espirato e quindi rilasciano parte di esso durante l’inalazione. Misurando i cambiamenti di umidità nella scatola nelle diverse condizioni, i ricercatori sono stati in grado di calcolare come ogni maschera ha influenzato l’umidità dell’aria inalato.

Tutte e quattro le maschere hanno aumentato notevolmente l’umidità dell’aria inalato, ma in misura diversa. A tutte le temperature, la spessa maschera di cotone ha portato a un aumento molto grande dell’umidità. A temperatura ambiente, la maschera chirurgica ha comportato l’aumento dell’umidità più basso ma ancora considerevole, mentre sia la maschera N95 che la maschera cotone-poliestere hanno aumentato l’umidità in misura uguale. Gli effetti umidificanti di tutte le maschere sono notevolmente aumentati a temperature più basse.

Alti livelli di umidità possono aiutare a limitare la diffusione di un virus ai polmoni. L’umidità supporta un meccanismo di difesa che rimuove il muco dai polmoni, insieme a particelle potenzialmente dannose, come i virus, all’interno del muco. Bassi livelli di umidità delle mascherine possono anche ostacolare la capacità del sistema immunitario di combattere contro i virus. Questo può aiutare a spiegare perché le persone hanno maggiori probabilità di ottenere infezioni respiratorie con il freddo.

Conclusioni

Studi precedenti di Bax e altri colleghi hanno dimostrato che qualsiasi maschera di stoffa può aiutare a bloccare le migliaia di goccioline di saliva che vengono rilasciate quando si parla. Questo studio suggerisce un altro modo in cui le maschere possono aiutare nella battaglia contro COVID-19.

Agostino Fernicola

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *